Civitavecchia Porto – Di Majo aumenta le tariffe e Grandi Navi Veloci saluta la città. Soppressa la linea con la Sicilia. Caos tra i portuali

“Prego i signori nostromi di cancellare tutti gli approdi”, questa la comunicazione di Marco Palomba Revello

CIVITAVECCHIA – Francesco Maria Di Majo ha compiuto definitivamente l’operazione “distruzione” di Molo Vespucci e del porto commerciale.

La Grandi Navi Veloci ha cancellato le linee per la Sicilia, Termini Imerese e Tunisi. Un colpo ferale alla già provata economia del porto di Civitavecchia.

Queste le parole scritte da Marco Palomba Revello, l’agente marittimo di Revello che riportiamo integralmente:

La linea Civitavecchia Sicilia è stata soppressa. Prego i signori nostromi di cancellare tutti gli approdi.

Non possiamo fare le variazioni al PMIS perché ho tutto il personale in cassa integrazione.

In questo tristissimo momento non possiamo dimenticare di ringraziare l’Autorità Portuale che, con il suo atteggiamento, ha CACCIATO il cliente dal nostro Porto (gli operatori e le aziende che sono qui da oltre 130 anni), mentre un politicante venuto da Roma ha prodotto danni irreparabili.

Ogni altro commento è superfluo.

Marco Palomba Revello

La notizia è clamorosa e le conseguenze saranno devastanti. Centinaia di posti di lavoro saltati con un solo giorno per colpa di Francesco Maria Di Majo  e di chi fino ad oggi, pur sapendolo incapace a gestire un porto, lo ha lasciato fare senza rimuoverlo quando ancora si poteva salvare qualcosa. Adesso, per dignità, dovrebbe rassegnare le dimissioni e lasciare Molo Vespucci quanto prima. Facciamo appello al Ministro Paola De Micheli affinché intervenga subito e possa trovare un nuovo interlocutore con la Grandi Navi Veloci.

– segue

 

decreto n.272

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *