NARNI:università, martedì prossimo convegno “Terrorismo e sicurezza”

Il terrorismo jihadista e le radici dell’odio verso l’Occidente saranno affrontati nel convegno “Terrorismo e sicurezza” in programma martedì prossimo alle 9.00 alla sede del Corso di laurea in scienze per l’investigazione e la sicurezza. Nel corso dell’incontro sarà analizzato il fenomeno del terrorismo e le risposte sul piano culturale, giuridico e strategico. Saranno presenti il rettore dell’Università di Perugia Franco Moriconi, il sindaco di Narni Francesco de Rebotti, il direttore del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugina, Angelo Capecchi, il delegato del rettore per il Polo Scientifico Didattico di Terni dell’Università degli Studi di Perugina, Massimo Curini, la coordinatrice Corso di Laurea in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza dell’Università degli Studi di Perugina, Maria Cateriona Federici ed esponenti dell’Arma dei carabinieri e dell’esercito italiano, nonché del Mae (Ministero affari esteri). Il senso di appartenenza terrorista jihadista si radica anche nelle contraddizioni della società occidentale, nelle inedite sfide della globalizzazione e del governo della coesione e dell’integrazione sociali.  Il terrorismo è analizzato in tutte le sue declinazioni: l’uso dei media da parte dei terroristi; la criticità relativa alle mete turistiche diventate obiettivo sensibile; la cyber security; i problemi dell’integrazione sociale e del pericolo della radicalizzazione di gruppi sociali marginali; i risvolti giuridico-legislativi legati al tema dei diritti umani; il nodo giuridico della privacy. Solo per fare alcuni esempi. I relatori e le relatrici provengono da contesti accademici differenti e dai maggiori centri di ricerca italiani e europei, ad esempio dal Regno Unito. L’incontro non è solo un momento di riflessione condivisa, ma rappresenta anche la premessa di collaborazioni scientifiche future, come anche di relazioni accademiche e istituzionali che si concretizzano nella partecipazione congiunta a progetti di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *