Massoneria, Il consigliere regionale Solinas ne ha fatto parte ma sarebbe uscito nel 1981 (a 24 anni!!)

Regione Umbria – Attilio Solinas (PD) si dichiara orgoglioso di essere stato massone, ma dice di aver abbandonato la libera muratoria quando è scoppiato lo scandalo della Loggia P2, nel 1981. Visto che ne è uscito così giovane sarebbe interessante sapere a che età ha indossato il “grembiulino”

PERUGIA – Di essere orgoglioso del suo passato da massone, l’ha scritto sulla sua bacheca Facebook, Attilio Solinas, consigliere regionale in quota Pd. Ma quella che è stata la sua esperienza all’interno della Massoneria perugina, nonostante abbia provato a mettere le mani avanti, appellandosi alla riservatezza, in fondo ha voglia di raccontarla.

Attilio Solinas - consigliere regionale dell'Umbria (PD)
Attilio Solinas – consigliere regionale dell’Umbria (PD)

L’intervista Lo si avverte dai toni della telefonata, dalla nota disponibilità del personaggio a non sottrarsi alle domande. Ed eccole, una dietro l’altra: quando le è accaduto e come di entrare in Massoneria? «Sono passati tanti anni, fui avvicinato da grandi personalità di elevato rango civile e intellettuale della mia città e mi fu chiesto se volevo essere ammesso. Ricordo che approfondii molto in quel periodo, con studi specifici, cosa significasse aderire alla Massoneria, e diedi il mio assenso». Nonostante sia uscito da diversi anni, il consigliere Solinas sottolinea l’orgoglio di quell’appartenenza: «Sono orgoglioso di essere stato iscritto. Ne sono uscito circa 20 anni fa quando uscirono le note liste come quella della P2.  La massoneria è una istituzione che ha avuto grandissime degenerazioni ma anche persone di altissimo livello culturale e civico. Non ho nessun problema a dichiararlo. Ricordo che lo feci già qualche anno fa, in pubblico, e vicino a me c’era l’ex sindaco Wladimiro Boccali».

«Quello che non dovrei dire» Alla domanda su quale sia l’aspetto che maggiormente lo inorgoglisce rispetto a questa esperienza, Solinas dice che «alla Massoneria hanno appartenuto personalità illustri come Garibaldi, Mazzini». Sollecitato sulle domande ribadisce :«E’ una istituzione riservata, non sarei neppure autorizzato a dire le cose che sto dicendo, è una cosa riservata». Ma vista l’insistenza:« Nella Massoneria perugina ho incontrato persone di alto livello, voglio dire che in alcune realtà la Massoneria è stata selettiva, in altre purtroppo sono entrate persone che ne hanno approfittato per scopi personali, di carriera, vedi il caso di Licio Gelli o di Flavio Carboni. Nella mia esperienza, in realtà ho trovato persone che mi hanno arricchito. Ho partecipato a incontri che esaltano l’uomo particolarmente dal punto di vista spirituale». Quindi la curiosità sembra approfittarsi della disponibilità, e lui: «Si a Perugia, nella Massoneria, ho ritrovato persone che conoscevo in città e non sapevo fossero massoni. Ce n’erano molte. Tutte personalità meritevoli di considerazione. Gli appuntamenti avvenivano al tempio massonico di piazza Piccinino dove avvenivano anche le iniziazioni. Erano incentrati soprattutto sul confronto su temi che riguardano l’umanità, la società, il mondo, gli scopi della vita. C’erano anche attività conviviali collaterali agli incontri ufficiali. Quanto a progetti in comune con altri massoni, si c’erano, ma in separata sede».

Maurizio Troccoli per “Umbria24.it”

IL COMMENTO DI MAURIZIO RONCONI – “Che il consigliere Solinas sia o sia stato massone non interessa granché gli umbri vista anche la non particolare rilevanza politica del consigliere ma che un comunista vada fiero di essere o di essere stato massone (ma massoni si rimane!) è inequivocabile segno di quanta confusione ci sia sotto il cielo del PD e anche nella testa del consigliere”. Lo dichiara l’Udc Maurizio Ronconi sul proprio profilo facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *