Quel degrado al parco alla Quercia, interviene Viterbo Civica

VITERBO – Viterbo Civica si trova di nuovo ad intervenire nella bella città dei papi, dove cittadini indignati pubblicano foto di luoghi pubblici lasciati nel degrado più totale, per sfogo, per rabbia, per denuncia, per cercare soluzioni semplici dal confronto di idee.

I volontari di Viterbo Civica cercano di restituire dignità alla città ma c’è ancora molto da fare, da far capire che tenere pulito il luogo in cui si vive è un “marchio” per il turismo e l’economia del paese.

“Nei giorni scorsi – afferma Viterbo Civica – è giunta la segnalazione di una giovane mamma di un piccolo parco alla Quercia, uno spazio verde che serve agli abitanti del quartiere per chiacchierare all’ombra degli alberi, con panchine completamente ricoperte d’erbacce, segno evidente che la manutenzione del verde pubblico fa acqua da tutte le parti”.

Detto fatto, i volontari di Viterbo Civica, sabato 9 aprile, si sono recati sul posto e nel giro di un’ora hanno ripulito tutto: erba tagliata e soliti rifiuti raccolti (qualche bottiglia di birra, cartacce, pacchetti di sigarette vuoti e una piccola collezione di mutande).

“Certo sarebbe più giusto che certi lavori li svolgesse il Comune – aggiungono i volontari di Viterbo Civica – con le nostre tasse già paghiamo un servizio che non viene erogato. Probabilmente la strada corretta sarebbe pretendere che il Comune svolga questi lavori e sicuramente le numerose foto che sono postate sul gruppo di Viterbo Civica fanno parte di una denuncia sociale che non può essere minimizzata da chi amministra. Nel frattempo, che chi di dovere si decida a fare il lavoro per cui è pagato”.

Il prossimo appuntamento del gruppo è sabato 16 aprile alle 14 per l’ennesima pulizia della Fontana Sfera al Murialdo, in collaborazione con la Parrocchia e con l’associazione Gens Nova. Lunedì 25 aprile grande braciolata di primavera a Castel D’Asso, con salsicce gentilmente offerte dal supermercato Todis. E intervento civico a sorpresa.

parco_quercia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *