Sogin – La centrale nucleare del Garigliano si colora di arancione per la giornata mondiale della sicurezza sul lavoro

ROMA – La centrale nucleare del Garigliano (Caserta) si è “colorata” di arancione per sottolineare l’attenzione del Gruppo Sogin alla salute e sicurezza sul lavoro. Così anche quest’anno la Società, che ha il compito di smantellare gli impianti nucleari italiani e localizzare, realizzare e gestire il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, partecipa alla Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza sul Lavoro.

L’iniziativa è partita ieri sera con il progressivo “tingersi” di arancione della caratteristica “sfera” dell’edificio reattore della centrale nucleare campana, in fase di smantellamento (decommissioning).

La Giornata Mondiale della Salute e Sicurezza sul Lavoro, istituita nel 2003 dall’ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro), ha lo scopo di richiamare l’attenzione sull’importanza della prevenzione degli incidenti sul lavoro e delle malattie professionali.

In questa occasione, la centrale del Garigliano illuminata di arancione diviene il simbolo dell’impegno di Sogin per sostenere, consolidare e diffondere la cultura della sicurezza. Le misure adottate dalla Società nell’ambito della tutela della salute e dell’ambiente, della gestione dei rifiuti radioattivi, delle attività di decommissioning e mantenimento in sicurezza degli impianti sono allineate ai migliori standard internazionali.

Anche nel 2015, durante le attività, non si sono verificati fra i lavoratori del Gruppo incidenti di natura radiologica né vi sono stati incidenti significativi sul lavoro; i soli infortuni lievi sono diminuiti rispetto all’anno precedente da 18 a 10 (dei quali 5 durante i trasferimenti fra casa e lavoro) su una popolazione aziendale complessiva di oltre mille dipendenti. La Società possiede un Sistema di Gestione Integrato – che comprende la Sicurezza sul Lavoro – certificato secondo i più alti standard, e nel 2015 ha erogato circa 11 mila ore di formazione specifica sui temi legati alla sicurezza.

LEGGI ANCHE

La “profezia” di Enzo Boschi sul deposito nazionale delle scorie radioattive. Berlusconi aveva ragione?

Con la “clausola di supremazia”, contenuta nella riforma della Costituzione, il governo potrà seppellirti sotto i rifiuti nucleari (e non solo!!)

Scorie nucleari – 3,2 milioni di euro per dire che la Sogin non ha fatto niente

Scorie nucleari, Puppato (PD): “Lo smantellamento delle centrali va a rilento e nessun passo avanti per il deposito nazionale”

Deposito scorie nucleari, Mauro Pili:”Grande imbroglio di Sogin. Sardegna già individuata”

Latina, veleno nell’acqua intorno alla centrale nucleare spenta

Deposito scorie, Cappellacci (FI) denuncia: “Silenzio assordante, altro che trasparenza e partecipazione” 

Sardegna. Cappellacci: mai qui scorie radioattive

Forse in Sardegna le scorie radioattive, ed è già rivolta

L’ex governatore della Sardegna avverte Renzi: “Pronti a respingere le scorie nucleari”

Caos nucleare: Sogin, Casale scrive al Governo per dimettersi e accusa il presidente Zollino

Sogin. Uno strappo che nasce da lontano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *