Vertenza Novelli, Forza Italia: “Che fine hanno fatto il sindaco Di Girolamo e i rappresentanti del Comune di Terni?”

“Ieri al Ministero dello Sviluppo Economico si è discusso del futuro del gruppo Novelli. Vorremmo sapere il perchè di questa inquietante latitanza”

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Forza Italia Terni

Più che un comunicato, quello seguente, è un annuncio di ricerca per persone scomparse. O per meglio dire: di ricerca per figure istituzionali apparentemente dissolte nel nulla, per giunta proprio nel momento del bisogno, ma questa magari sarà una pura coincidenza. Breve resoconto dei fatti. Nella giornata di ieri, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è svolto un incontro tecnico per discutere del futuro del gruppo Novelli. Al tavolo ministeriale erano presenti l’intero consiglio d’amministrazione dell’azienda oltre a tutte le sigle sindacali, i sindaci di Amelia e di Spoleto, l’assessore regionale umbro Paparelli e gli esponenti delle regioni Lazio e Lombardia. No, non vi è alcun refuso in questo breve elenco. Mancava il primo cittadino ternano: Leopoldo Di Girolamo. In realtà, tanto per sottolineare la gravità del fatto, non era presente alcun esponente del Comune di Terni. Proprio così: nessuno. Ecco, se non chiediamo troppo, vorremmo sapere il perché di questa inquietante latitanza. Qual è il problema? A Palazzo Spada per caso non interessano le sorti di decine di lavoratori autoctoni? C’è (purtroppo) anche dell’altro. Infatti, giusto per aggravare ancor di più la posizione dei vertici politici locali, in consiglio comunale è parcheggiata da Dicembre(!) un’interrogazione urgente, sempre sul caso Novelli. Ma Giuseppe Mascio, Presidente del Consiglio Comunale, ha la contezza della situazione oppure è ignaro di quel che sta accadendo? Come forza politica responsabile ci auguriamo che il Sindaco e l’intera Giunta ternana possano dar vita ad un sussulto di responsabilità operando attivamente per una risoluzione positiva dell’intera vicenda.

Coordinamento Comunale Forza Italia Terni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *