Strage Viareggio, i familiari delle vittime: “Offensive le parole dell’avvocato di Moretti. Non può guidare Finmeccanica”

I familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio chiedono l’intervento della politica, per non far finire i reati in prescrizione, e sperano che a Mauro Moretti sia revocato anche il titolo di Cavaliere del Lavoro

VIAREGGIO | (Ansa) – I familiari delle vittime della strage di Viareggio chiedono le dimissioni di tutti coloro che sono stati condannati nel processo di primo grado di ieri e che hanno tuttora incarichi, come Mauro Moretti. Lo hanno detto gli stessi familiari aprendo la conferenza stampa di stamani a Viareggio. ‘Riteniamo offensive le dichiarazioni dell’avvocato di Moretti”, ha detto il portavoce, Marco Piagentini.

“E’ moralmente inaccettabile che dopo una condanna di primo grado Mauro Moretti sia ancora a guidare un’azienda di Stato. Ne chiediamo le dimissioni e che sia tolto a Moretti il titolo di Cavaliere del Lavoro“, hanno spiegato i familiari delle vittime incontrando i giornalisti, all’indomani della sentenza di condanna dell’allora ad di Rfi, sottolineando che “non si può tenere su una poltrona così importante un manager condannato in primo grado. Chiediamo che la politica intervenga”.

“A poche ore dalla lettura del dispositivo possiamo dire che il sistema ferroviario del trasporto merci pericolose tanto in Italia quanto in Europa è stato riconosciuto responsabile delle gravissime inadempienze e omissioni – hanno sottolineato – La sentenza ha sancito che i vertici delle aziende condannati avevano poteri e mezzi per intervenire e, non facendolo, hanno causato la morte di 32 persone, tra cui bambini e ragazzi”.

“Con la sentenza di primo grado si chiude la prima fase, non la nostra battaglia, una valutazione definitiva potremo darla solo dopo la lettura delle motivazioni che hanno portato a questa sentenza”, è la posizione del familiari delle vittime che hanno anche ringraziato “la moltitudine di persone che ieri come in tutti questi anni è stata al nostro fianco”.

Per i 33 imputati, come persone fisiche, e 9 società, le accuse erano a vario titolo di disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo, incendio colposo e lesioni colpose. Dieci le assoluzioni. Moretti, hanno spiegato i suoi avvocati, è stato assolto come ad delle Ferrovie, ma condannato in qualità di ex amministratore delegato di Rfi.

“Scandaloso l’esito del processo, e la sentenza trasuda populismo” ha aggiunto il legale. Tra le società ‘imputate’, assolte Ferrovie dello Stato e Fs Logistica, condannate Rfi e Trenitalia. I parenti delle vittime commenteranno domani la decisione dei giudici. Dopo la lettura della sentenza, in Borsa Leonardo ha perso il 3,4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *