Sardegna: comitati contro il deposito multinazionale di scorie nucleari, aspettando ‘consultazioni pubbliche’ e ‘Seminario Nazionale’ di SOGIN

Un progetto di deposito geologico multinazionale dove seppellire i rifiuti nucleari italiani e di altri paesi. I comitati sardi lanciano l’allarme e si preparano a difendere l’isola.

Intanto il Ministro dell’Ambiente ha assicurato che presto si aprirà una “fase di consultazione pubblica” sul deposito nazionale dei rifiuti radioattivi. Dopo la consultazione verrà pubblicata la lista dei siti idonei ad ospitare le scorie nucleari e, tramite un “Seminario Nazionale”, verrà reso noto il progetto e illustrati tutti gli aspetti tecnici

CAGLIARI – No al deposito di scorie nucleari in Sardegna. Soprattutto se l’Isola dovesse ricevere rifiuti radioattivi anche dal resto d’Europa. Allarme e invito alla mobilitazione vengono rilanciati dal comitato “Gettiamo le Basi” con un tam tam allargato agli altri componenti del comitato No nucleare. “Abbiamo ragionevoli indizi – spiega Marietta Cao, responsabile di Gettiamo le Basi – per dire che la questione deposito in Sardegna non è affatto finita. E che anzi, proprio ora che la mobilitazione si è fermata, è il momento di stare ancora più attenti. Perchè si parla, secondo informazioni che riteniamo molto attendibili, di installare nell’Isola un deposito geologico multinazionale condiviso”.

 

ISOLA PERFETTA: POCHI TERREMOTI E ABITANTI, MOLTI MILITARI – “I  sospetti che la scelta per il deposito di scorie nucleari possa ricadere sulla Sardegna – ribadisce il Comitato – sono noti: pochi residenti, basso rischio sismico e zone militari che, eventualmente, potrebbero garantire la sicurezza del sito atomico”.

 

PER GLI “ESPERTI” SAREBBE UN SITO SICURO – Un impianto sicuro, dicono gli esperti, in grado di garantire l’isolamento dalla biosfera delle scorie finché la loro radioattività non sia scesa a livelli non pericolosi per l’uomo e per l’ambiente. Le formazioni geologiche profonde, capaci di restare stabili e inalterate per periodi che si misurano nell’ordine di tempi geologici, sarebbero dunque perfette, in particolare le miniere di sale ma anche i bacini argillosi o di granito.

 

ARTICOLI CORRELATI

Seminario Nazionale – Parco Tecnologico rifiuti radioattivi: una LEOPOLDA atomica?

 

Scorie nucleari: 3,2 milioni per dire che la SOGIN non ha fatto niente: la nuova frontiera del “marketing” a spese dei cittadini?

 

Scorie nucleari, Mauro Pili: “Sardegna già individuata per il deposito. Grande imbroglio di Sogin”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *