Magliette gialle prima a Viterbo poi a Roma, ma a Viterbo è rimasta sterile propaganda

Le magliette gialle del PD erano già scese in campo a Viterbo nell’agosto del 2013 quando i netturbini per un giorno, contraddistinti dalla citata maglia con la scritta Puliamo Viterbo, si trovarono in Piazza del Plebiscito molto soddisfatti per l’altissima partecipazione e il consenso che riuscirono a raccogliere, come spiegò la vice sindaco Luisa Ciambella.

Tra le altre cose detta iniziativa, sembra risalire al 2011 e proseguire fino al 2013 quando, un gruppo di cittadini volontari di alcune associazioni civiche, tra cui “Viterbo Civica”, si fusero e proposero tale iniziativa alla già citata Luisa Ciambella, che sposò subito l’idea, e chissà che non l’abbia proposta anche per Roma?

 

Infatti, in questi giorni Roma è pulitissima perché tanti volontari del PD, guarda caso con delle magliette gialle, come è già successo quattro anni fa in una piccola città come Viterbo, combattono una battaglia politica sulla monnezza.

Sul web le critiche si sono sprecate, per gran parte delle testate giornalistiche, è stato considerato un botta e risposta tutto politico questa iniziativa dei volontari del PD, che la mattina del 14 maggio sono scesi in strada per pulire Roma.

Ma se tanto ci dà tanto, è opportuno avvertire gli elettori che tanta volontà espressa dal PD appena insediato a Viterbo non ha dato affatto buoni risultati come ormai è alla mercé di tutti i viterbesi.

 

Ad alta voce dichiararono “Buona la prima. Sono già pronte le repliche, magari con ancora più gente in piazza e meno immondizia nei sacchi.

 

Articolo Tusciaweb del 31 agosto 2013  “Trecento spazzini per un giorno”

 

Dopo quattro anni di amministrazione Michelini e ad un anno dalla fine del mandato questi sono stati i risultati:

 

1) Viterbo città sempre più sporca e le successive uscite (due in solitudine senza la partecipazione delle associazioni civiche)  non ebbero riscontro in quanto considerate passerelle politiche.

 

2) Un bilancio approvato con mesi di ritardo, dopo l’ultimatum della prefettura, ed accomodato senza confrontarsi con l’opposizione tale da creare una frattura nella maggioranza.

 

3) Immobilismo totale in quattro anni di gestione, i pochi lavori eseguiti nella città sono stato frutto della precedente giunta, vedi Progetto Plus per rivitalizzare il centro storico.

 

Articolo La Tua Etruria  “Rinasce Valle Faul: Viterbo vince con il progetto Plus”

 

4) Le uniche iniziative che hanno rivitalizzato un pochino il centro storico sono state quelle di Caffeina (Viva Viterbo) che guarda caso oggi è uscita dalla maggioranza.

 

Non vogliamo addentrarci nei particolari, ma lasciamo ai lettori fare delle valutazioni guardando questo video che illustra lo stato attuale delle isole ecologiche, tanto per restare in tema di Viterbo Pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *