Civitavecchia – Detenuto incendia la cella e aggredisce gli agenti, momenti di tensione al carcere di Aurelia

CIVITAVECCHIA – E’ stato un pomeriggio difficile e particolarmente agitato, quello di ieri, all’interno del carcere di Borgata Aurelia. A rendere noto quanto avvenuto è il Segretario Responsabile Fns Cisl della struttura penitenziaria, Francesco Ciocci, il quale racconta che attorno alle 15,30 un detenuto italiano, affetto da patologie psichiatriche, accertate da tempo e già sottoposto ad osservazione psichiatrica in base a quanto prevede la normativa, ha incendiato per la seconda volta la sua cella che si trova all’interno dell’infermeria.

La coltre di fumo ha interessato tutta la sezione detentiva e il personale di polizia penitenziaria è dovuto intervenire con bombole di ossigeno e maschere antigas per sgombrare tutta l’area e per mettere in salvo gli altri detenuti, compreso il piromane, che al momento dell’incendio erano chiusi nelle loro celle e lamentavano difficoltà respiratorie.

Domato l’incendio e ripristinata la sicurezza, il piromane è stato condotto in una cella di sicurezza dove però ha iniziato a dare in escandescenza o per poi aggredire con calci e pugni gli agenti che lo stavano soccorrendo.

Due agenti di polizia penitenziaria sono stati trasportati presso l’ospedale San Paolo per un prinicipio di intossicazione e per le ferite cagionate dal piromane a seguito dell’aggressione. Anche il detenuto piromane è stato trasportato in ospedale per le ustioni riportate a seguito del suo incendio.

Alla luce di quanto avvenuto, la Fns Cisl sottolinea ancora una volta l’inefficienza dell’amministrazione penitenziaria, nonchè dello Stato.

‘organizzazione sindacale denuncia infatti che, a seguito della chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari, si sta consentendo le carceri ordinarie diventino giorno dopo giorno dei veri e propri manicomi, con gli agenti di polizia penitenziaria che rischiano la vita per contrastare situazioni per le quali non ha una specifica preparazione, né mezzi idonei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *