Christopher Wylie: Perché ho infranto la storia dei dati di Facebook

L’informatore al centro della tempesta di Cambridge Analytica chiede se la Gran Bretagna ora affronterà le questioni difficili che ha sollevato

A gennaio, ho detto alle autorità britanniche che l'app utilizzata per raccogliere i dati per Cambridge Analytica avrebbe probabilmente tirato fuori i
profili degli utenti britannici di Facebook. La scorsa settimana Facebook lo ha confermato: ha dichiarato al mondo che sono stati raccolti oltre 87 milioni
di profili. Questo includeva oltre un milione di record britannici. Un paio di giorni dopo, all'inizio di sabato, Facebook ha preso un'altra azione
drammatica: ha sospeso AggregateIQ. Questo è importante perché AIQ è stata l'azienda di dati canadese su cui "Vote Leave" ha speso il 40% del proprio budget 
durante il referendum dell'UE. Ma come ho detto in parlamento, ho aiutato a configurare AIQ per supportare Cambridge Analytica. Ho anche consegnato documenti
che mostrano i legami di AIQ con Cambridge Analytica. Ad ogni passo di questa storia, Facebook - da cui sono ancora bandito - è rimasto indietro rispetto 
alla verità. Fu solo quando mi feci avanti con documenti - contratti firmati e fatture - che provarono che Cambridge Analytica aveva finanziato la raccolta
di profili di Facebook che alla fine fu costretta a cedere. Dieci giorni fa ho trascorso quattro ore a testimoniare sull'inchiesta di Fake News in 
parlamento e molte altre ore in sessioni private. Facebook ha sospeso AIQ mentre esamina la relazione di AIQ con Cambridge Analytica perl'accesso ai dati 
di Facebook. In Gran Bretagna, d'altra parte, Dominic Cummings, l'ex capo di "Leave Leave", mi ha definito un "fantasista ciarlatano". 
Andrew Neil ha dedotto che la mia testimonianza fosse "per sentito dire". E mentre l'emittente nazionale nel mio paese d'origine, il Canada, ha trattato 
assiduamente il tema, il giorno in cui sono apparso sul programma della BBC Today, ha dedicato più tempo libero alla presunta manomissione della palla nel
cricket australiano che a manomettere la democrazia britannica. Sono deluso, ma lo capisco anche io. È estremamente scomodo pensare che la nostra democrazia
possa essere stata corrotta. Che i potenziali crimini possano aver avuto luogo - alcuni di loro sui server di Facebook - che sembrano essere al di fuori 
della portata della legge. È per questo che ho testimoniato la scorsa settimana al parlamento. È per questo che ho dato tre racconti di prove sul permesso
di voto alla Commissione elettorale del Regno Unito e all'ufficio del Commissario per le informazioni.
La Gran Bretagna ora prenderà seriamente queste prove? Perché non si tratta solo di dati. In Gran Bretagna, abbiamo limiti di spesa rigorosi per le elezioni.
È ciò che ha impedito alla Gran Bretagna di seguire la strada della politica americana, dove le elezioni sono lo sport dei miliardari e degli interessi 
corporativi. Al di là dei dati, ci sono altre due questioni in gioco qui: spesa eccessiva e coordinamento tra le campagne. La legge lo proibisce. 
Nell'era digitale, dove le campagne politiche usano Facebook come strumento predominante, è difficile da far rispettare. E quando quattro diverse campagne 
hanno utilizzato la stessa azienda di dati, AIQ, è praticamente impossibile. La mia intenzione qui è di illustrare i problemi - e le prove - il più 
semplicemente possibile. Decine di milioni di profili Facebook sono stati raccolti con l'obiettivo di assistere il lavoro relativo agli elettori di Cambridge
Analytica. Facebook sapeva che nel dicembre 2015 i dati erano stati raccolti per conto di Cambridge Analytica. Lo ha negato fino a quando non mi sono fatto
avanti e ho prodotto il contratto che SCL Elections, società madre di CA, ha firmato con GSR, la società del dott. Aleksandr Kogan, per il lavoro. 
Il numero di utenti di Facebook interessati non è noto con precisione. Cambridge Analytica afferma che la società ha ottenuto la licenza dai dati 
GSR su "non più di 30 milioni di cittadini statunitensi". L'Observer stima che GSR abbia raccolto oltre 50 milioni di profili Facebook. Facebook afferma: 
"In totale, riteniamo che le informazioni di Facebook di 87 milioni di persone - per lo più negli Stati Uniti - potrebbero essere state condivise 
impropriamente con Cambridge Analytica."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *