Hayabusa 2 è giunta a destinazione!

 
 
Foto copertina: immagine stereoscopica di Ryugu (parallel eyes) Credit: Brian May / Patrick Michel / JAXA

Stanotte, alle 3 ora italiana, la sonda giapponese ha effettuato la decima e ultima manovra di correzione parcheggiandosi a soli 20 km dall’asteroide.

 Uno dei primi ad annunciare l’evento è stato Brian May, astrofisico e chitarrista dei Queen (!), che da Milano ha rilanciato la prima immagine stereoscopica di Ryugu (quella che mostriamo in apertura). I due frames sono stati ripresi a soli 13 minuti di distanza e la piccola differenza di prospettiva, dovuta alla rotazione dell’asteroide, fornisce di fatto una immagine in rilievo che però va vista da un occhio allenato o tramite un visore stereoscopico, in modo che l’occhio destro veda l’immagine a destra e viceversa; le due immagini vengono poi combinate dal cervello per restituire la sensazione di profondità. Questa tecnica è detta “parallel eyes” perchè i due occhi puntano in direzioni parallele, come se fissassero un unico oggetto a distanza infinita… siccome però lo schermo è a poche decine di centimetri, ci vuole un certo sforzo (e un pò di allenamento) per costringere gli occhi a mettere a fuoco così vicino senza perdere il suddetto allineamento. Un trucco consiste nell’avvicinarsi molto allo schermo senza sforzarsi di fissarlo ma rilassando lo sguardo come se si guardasse oltre; una volta che le due immagini (sfocate) appaiono sovrapposte, bisogna allontanarsi lentamente cercando di mantenerle allineate, in modo da vedere l’immagine 3D sempre più a fuoco e apprezzarla in pieno). Una diversa tecnica, che personalmente trovo più comoda da usare, è quella del “cross-eyes” in cui le due immagini sono scambiate di posto e vengono guardate incrociando gli occhi come se l’oggetto fosse molto più vicino; qui sotto ho realizzato la versione da usare in questo caso:

Steryugu

Versione “Crossed Eyes” dello stereogramma – Credit: Brian May / Patrick Michel / JAXA – Processing: M. di Lorenzo

 Il sito dell’agenzia spaziale giapponese non fornisce, per ora, alcun dettaglio della conferenza stampa tenuta per l’occasione; nel frattempo il mago dell’ “image processing” RomanTkachenko ha realizzato, partendo da una delle due immagini stereoscopiche, una versione spettacolare ed estremamente dettagliata riportata qui sotto:

Dgqq76hW0AAIEWv

credit: JAXA / RomanTkachenko

Intanto l’istituto Chiba ha annunciato ieri di essere riuscito a fare la prima stima accurata di distanza dall’asteroide utilizzando il laser altimetro e misurando il tempo di andata e ritorno degli impulsi di luce. I primi tentativi erano stati effettuati 4 giorni prima, ma la riflettività dell’asteroide si è rivelata più bassa del previsto e solo ieri si è riusciti a rivelare la luce riflessa (o meglio, diffusa) dalla sua superficie; ne è risultata una distanza di 22,4 km. Secondo la tabella di marcia ufficiale, questa era effettivamente la distanza attorno alle 4 UT (le 6 ora italiana) ma quei tabulati erano stati calcolati prima della misura in questione e potrebbero venire corretti a breve…

 Infine, qui sotto, i grafici della distanza e della velocità relativa relative all’intera fase di approccio (riportati anche nel Mission Log); a destra anche l’andamento delle dimensioni apparenti dell’asteroide e della scala delle immagini riprese dalla fotocamera telescopica ONC-T. I gradoni orizzontali non sono realistici e derivano da buchi temporali nei tabulati ufficiali di JAXA, presumibilmente dovuti a revisioni sui valori di distanza realmente rilevati, discrepanti rispetto al modello precedente.

Fonte: aliveuniverse.today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *