L’associazione Yarn bombing di Viterbo celebra i caduti della Grande Guerra

Un’istallazione di “100 papaveri” realizzati rigorosamente a mano dalle donne viterbesi 

 

 

Il 4 novembre, durante la cerimonia ufficiale presso il Santuario di Santa Maria della Peste al Sacrario, Le associate di Yarn Bombing Viterbo hanno realizzato un’opera/tributo ai Caduti della Grande Guerra.

la realizzazione di centinaia di papaveri rossi utilizzando la tecnica dell’uncinetto, grazie al prezioso lavoro di moltissime donne viterbesi.

All’interno di anfibi militari, sbocciano papaveri rossi che simboleggiano i nostri Caduti. La città di Viterbo perse nel primo conflitto mondiale 624 soldati.

I papaveri che crescono e fioriscono in essi ricordano la fatica e i pericoli che i nostri giovani caduti hanno affrontato durante il lungo e straziante cammino della guerra e rendono omaggio alla prematura morte che li ha colpiti rendendoli eroi di tutti noi.

L’ Associazione aderisce ad un progetto più ampio sposato da tante altre associazioni in tutta Italia, l’evento si chiama “100 anni di papaveri rossi” e, contestualmente a quella di Viterbo, ce ne saranno  analoghe in tutto in nostro paese.

L’associazione ringrazia  il sindaco Giovanni Arena, il vice sindaco Enrico Maria Contardo ed il Tenente Colonnello Luca Mechilli per la disponibilità dimostrata.

I papaveri rossi (red poppy nella tradizione anglosassone) sono il simbolo della Prima Guerra mondiale, anche se associare il papavero all’immagine dei Caduti non è certo immediato.

La spiegazione sta nella poesia In Flanders Fields (Nei campi di Fiandra) scritta dal canadese John McCrae. Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale diresse un ospedale da campo durante la seconda battaglia di Ypres, nel 1915: la poesia venne ispirata dalla morte e sepoltura di un amico. Queste le prime strofe:

Nei campi delle Fiandre sbocciano i papaveri
tra le file di croci
che segnano il nostro posto: e nel cielo
volano le allodole, cantando ancora con coraggio,
appena udite in terra tra i colpi d’arma da fuoco.
Noi siamo i morti. Solo pochi giorni fa
eravamo vivi e sentivamo l’alba e vedevamo il tramonto splendere
e amavamo ed eravamo amati, e ora giacciamo qui,
nei campi delle Fiandre.

 

Il papavero divenne perciò il simbolo del Remembrance Day (Giorno del Ricordo), noto anche come Poppy Day (Giorno del Papavero).

Il legame tra il papavero e la guerra, peraltro, potrebbe essere di più antica data. Si racconta che il condottiero mongolo Gengis Khan facesse spargere semi di papavero sui campi di battaglia, come omaggio a quanti vi erano morti con onore. Associa il fiore alla guerra anche il cantautore Fabrizio De André, nella ballata La guerra di Piero, canzone nata dai racconti dello zio del cantautore che ha combattuto la campagna di Albania (1964), dove dice:

Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall’ombra dei fossi ma son mille papaveri rossi.

Le donne dello Yarn Bombing di Viterbo attraverso questa opera vogliono dare di nuovo voce ai giovani soldati italiani che hanno perso precocemente la loro vita per difendere la nostra Patria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *