Ferme le ricerche del giovane alpinista di Sezze disperso in Pakistan

Pakistan – Da  quel maledetto 21 febbraio, si sono perse le tracce di Daniele Nardi, 42 enne di Sezze (Latina) e del compagno di viaggio Tom Ballard, partiti alla volta del Nanga Parbat, 8.126 metri, la nona vetta più alta del mondo. Prima lo spazio aereo chiuso a causa delle turbolenze militari nelle relazioni tra Pakistan e India. Poi dopo aver avuto l’autorizzazione al volo, Askari, la società che gestisce i voli ha dovuto attendere l’autorizzazione dei militari, e una serie di adempimenti amministrativi, infine l’elevato costo dell’operazione da effettuare con i droni e per cui “la famiglia di Daniele Nardi si è resa disponibile al pagamento della somma necessaria. – Come riferisce lo staff tramite la pagina fb di Daniele Nardi- ma i tempi tecnici e burocratici hanno di fatto impedito di poterlo fare in poche ore. L’Italia, tramite l’Ambasciatore Stefano Pontecorvo, ha pertanto provveduto concretamente e direttamente a risolvere i problemi burocratici con l’Aviazione pakistana.
Purtroppo, il meteo è peggiorato e l’operazione di recupero di Alex Txikon dal campo base del K2 si dovrà effettuare domani mattina.
Nel mentre, Ali Sadpara, con gli altri due alpinisti pakistani, è partito questa mattina a piedi dal campo base del Nanga Parbat ed è arrivato nei pressi di campo 1.”

“Noi continuiamo a sperare che tutto si risolva per il meglio. Le mie non sono parole di maniera ma dettate dalla fiducia totale nella grande preparazione, professionalità esperienza di Daniele. Stiamo seguendo ogni istante l’evoluzione della vicenda e teniamo le dita incrociate in attesa di sapere che sta bene e che è impossibilitato solo a comunicare con il campo base”. Le parole del sindaco del Comune di SezzeSergio Di Raimo. 

L’ultimo video del giovane scalatore

Ancora una notte di neve, ancora un giorno al campo base. Stando alle previsioni meteo, domani la perturbazione dovrebbe finalmente abbandonare la montagna e lasciare il posto ad una finestra di bel tempo. Avremo quindi modo di guardarci intorno, valutare le condizioni della montagna e elaborare una nuova strategia per i prossimi giorni. La fiducia non manca, ci serve giusto un po’ di fortuna…e si riparte!Per ricevere contenuti esclusivi, iscriviti alla newsletter al link qui sotto 📢http://eepurl.com/cTlpNz#ScalaTeStesso #AnnientaITuoiLimiti #ThinkBIG #SiamoConTe #Save4YourPassions #Mummery #resilienza #climb #nangaparbat #winter #storyteller #SportForNature #youthforhumanrights Ciesse Piumini ConTe.it Comparasemplice.it Utopia2000.org @margutta @Musoamuso @BancaPopolarediFondi Intermatica Sport'85 @DeVellisServiziGlobaliSrl @portoflaviogioia Fitwell USA sovendi Cébé adidas@StudioTirelliStefano @UrbanWallClimbing @MaterassiFortunato @AntoninoDeSimone RRTREK – Il Rifugio Roma

Gepostet von Daniele Nardi am Donnerstag, 21. Februar 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *