#Civitavecchia2019 – Agroalimentare, Riccetti (Lega): “Grazie ai nostri consiglieri regionali, pronti ad attivare una Vetrina istituzionale sui prodotti del territorio”

CIVITAVECCHIA – “Il prossimo triennio dovrà essere quello del rilancio di tutta la città e in particolare del settore agroalimentare”. Così il capogruppo della Lega in Consiglio comunale, Alessandra Riccetti.

“Sul comparto agroalimentare c’è tantissimo lavoro da fare, per far sì che le realtà produttive esistenti sul territorio siano valorizzate e inserite in un sistema di marketing territoriale capace di intercettare anche i flussi turistici.

Ora, grazie all’azione in Regione Lazio della Lega, e in particolare del capogruppo Angelo Tripodi, abbiamo anche lo strumento adatto: sono state istituite nel Defr 2019-2021 le Vetrine regionali dell’Agroalimentare, con l’obiettivo di esporre e commercializzare i prodotti tipici del territorio con percorsi agroalimentari, coinvolgendo le agenzie turistiche, i Comuni, le associazioni territoriali e di categoria.

È una battaglia che la Lega ha vinto e che, con Ernesto Tedesco sindaco di Civitavecchia, consentirà di attivare un meccanismo virtuoso in grado di portare sviluppo anche agli altri comparti economici del territorio”, conclude Alessandra Riccetti.Il mar 9 apr 2019, 12:57 Lega con Salvini Civitavecchia <legasalvini.cv@gmail.com> ha scritto: Massimo impegno, anche nelle poche settimane che restano, affinché la prossima Amministrazione comunale possa partire da basi documentali per riportare alla trasparenza la spinosa questione del Forno crematorio al cimitero di via Braccianese Claudia.

È quanto chiede Alessandra Riccetti, capogruppo della Lega, all’indomani della approvazione (all’unanimità) della commissione d’inchiesta su questo caso.”Il consiglio comunale che vara la commissione d’inchiesta sul Forno crematorio è per noi, come opposizione di centrodestra, una amara vittoria politica. La mozione risale infatti a diversi mesi fa, e se è stata discussa alla penultima seduta della consiliatura non è certo per colpa nostra.

Sulla questione del Forno crematorio è d’altronde mancata trasparenza fin dal principio, dalla lievitazione dei costi al mancato coinvolgimento del consiglio comunale, e il sindaco Cozzolino ha impedito anche alla popolazione di esprimersi attraverso il referendum, nonostante tante belle parole sulla democrazia diretta. Alla prossima amministrazione, sindaco e maggioranza uscenti hanno lasciato quindi questo bel “ricordo”, ma come spiegato anche dalla segretaria comunale, che ha risposto ad una domanda del collega Massimiliano Grasso, questa commissione d’inchiesta potrà lavorare affinché subito dopo le elezioni si possa, carte alla mano, garantire che a prevalere sia l’interesse della città, apportando le correzioni del caso. La Lega, con i consiglieri delle altre forze a sostegno del nostro Ernesto Tedesco, sta già lavorando al futuro”, ha dichiarato la capogruppo della Lega in Consiglio comunale.

“D’altro canto, non posso tacere sul fatto che questa vicenda del Forno crematorio rappresenta plasticamente il fallimento dell’amministrazione comunale uscente, Il sindaco Antonio Cozzolino che si autosfiducia, approvando la commissione d’inchiesta che indagherà sugli atti suoi e della sua giunta, è la pietra tombale di questi cinque anni. Anzi, l’urna cineraria”, ha concluso Alessandra Riccetti.

Lega con Salvini – Civitavecchia  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *