Ronciglione – “Cuore di mamma”: undicimila notti “donate”e mille viaggi per aiutare chi soffre

 Ronciglione – E’ il 2010 quando si costituisca l’ associazione “Cuore di Mamma” onlus, dopo tre anni arriva apertura della casa di accoglienza in una struttura messa a disposizione dalle Ferrovie dello Stato.

L’ associazione nasce con lo scopo di ospitare, a titolo gratuito, famiglie con bambini onco – ematologici, in cura presso l’ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con il quale è accreditata. Una struttura che è la realizzazione di un sogno del presidente e fondatore Francesco Giannelli Savastano: “Cambiare casa rappresenta uno stravolgimento. Soprattutto  per le famiglie che lo fanno per la necessità di curare i loro figli. Le degenze ospedaliere sono spesso prolungate e richiedono periodi di ricovero alternati a brevi dimissioni. In queste situazioni è indispensabile offrire ai parenti e ai piccoli pazienti soluzioni abitative idonee che li facciano sentire “a casa” anche se “lontani da casa”. Cuore di Mamma è proprio quel luogo”. Da allora l’associazione non si è mai fermata e non smette di stupire per il suo operato. 
L’Associazione viene contattata dalle Asl di Viterbo e Roma per dare accoglienza a chi ne ha bisogno. Offre anche assistenza psicologica, supporto per il trasporto, e assistenza economica attraverso raccolte fondi per le famiglie meno abbienti. Dal 2013 al 2018 sono state 50 le famiglie a essere state ospitate e 11.000 le notti donate. La casa si trova a Ronciglione a circa 70 km da Roma, dove la maggior parte dei bambini italiani e stranieri è in cura: necessaria e imprescindibile quindi l’organizzazione degli spostamenti verso la Capitale per accompagnare i piccoli a sottoporsi alle terapie o alle visite di controllo. L’impegno del presidente in questo senso è stato sempre costante impiegando all’inizio addirittura un pulmino personale pur di far arrivare i piccoli a destinazione in qualsiasi giorno e a qualsiasi ora, anche in caso di emergenza. Dal 2013 al 2018 sono stati effettuati ben 1.000 viaggi da Ronciglione a Roma per trasportare i piccoli all’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Un numero importante di spostamenti avvenuti quasi ogni giorno. I risultati raggiunti e il grande cuore che mette quotidianamente nel prendersi cura dei piccoli malati oncologici o con altre gravi patologie sono sorprendenti.
Nel 2017 fondamentale è stato il contributo dell’Associazione Viterbo con Amore, Renault Italia e Fondazione Carivit: grazie a loro “Cuore di Mamma” ha ricevuto in dono una Renault Dacia gpl che ha permesso di continuare a donare speranza ai piccoli ospiti della casa di accoglienza e a ridurre notevolmente il costo dei numerosi viaggi da Ronciglione a Roma.
1.000 viaggi… ma ce ne saranno ancora tantissimi altri animati sempre dal grandissimo senso di solidarietà e amore che caratterizza questa associazione. E per il presidente la più grande soddisfazione è sentirsi chiamare “nonno” da questi bambini ai quali dedica costantemente il proprio tempo in cambio di un sorriso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *