Frosinone – Frode nell’accoglienza ai migranti grazie all’appoggio di sindaci e pubblici ufficiali corrotti

Operazione tra Lazio, Campania e Molise. In tutto sono 25 le persone indagate

Frosinone – Gli uomini della Questura e del Comando provinciale della guardia di finanza di Frosinone hanno eseguito diciotto ordinanze di applicazione di misure cautelari personali in Lazio, Campania e Molise nei confronti degli appartenenti a due sodalizi criminosi nel settore dell’accoglienza ai migranti. L’accusa è di truffa ai danni dello Stato, sequestrati 3 milioni di euro. Indagate in tutto venticinque persone. L’operazione congiunta di agenti della polizia e finanzieri ha riguardato le province di Frosinone, Latina, Rieti, Caserta e Isernia. Le indagini, dei poliziotti del commissariato di Cassino, della squadra Mobile e del Comando Provinciale GdF di Frosinone, coordinate dal Sostituto Procuratore Alfredo Mattei, hanno acceso i riflettori su un articolato sistema di frode che, anche grazie alla corruzione di pubblici ufficiali preposti ai controlli e sindaci, ha consentito ai sodali di appropriarsi delle ingenti somme di denaro destinate all’accoglienza dei migranti, che erano invece lasciati in stato di abbandono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *