Statalizzazione Briccialdi: “l’assessore Alessandrini abbia la decenza di non intestarsi vittorie non sue”

“Il risultato è tutto targato PD Terni”

Riceviamo e pubblichiamo la nota del PD – In merito al percorso di statalizzazione del Briccialdi, il PD di Terni vuole fare chiarezza. Nei giorni scorsi abbiamo assistito al surreale e furbetto tentativo dell’Assessore Alessandrini di intestarsi meriti non suoi e nemmeno della Lega.  Facciamo allora chiarezza.

 

Prima degli anni 2000 l’Istituto Briccialdi era una emanazione del Comune di Terni.

 

Il primo spartiacque di cambiamento avviene a metà degli anni 2000 quando il Briccialdi fu inserito nel “percorso nazionale di autonomia degli istituti di alta formazione”. Sono sempre state le giunte di centro-sinistra a finanziare il Briccialdi con una precisa scelta politica sociale e culturale. Per rafforzare la posizione dell’istituto musicale e in previsione di una statalizzazione, a metà anni 2000 fu istituita una apposita “Fondazione” composta dal Comune di Terni, dalla Provincia di Terni, la Fondazione Carit, con nomine ministeriali decise di concerto con il Comune di Terni.

Negli anni successivi le giunte di sinistra hanno continuato a sostenere economicamente il Briccialdi facendo una scelta di investimento e di bilancio chiara. Le difficoltà iniziarono quando entrò in vigore a livello nazionale il patto di stabilità che ridusse i trasferimenti dello stato centrale agli enti locali. Il Comune di Terni, tramite le giunte a trazione PD, per una precisa volontà politica, ha comunque continuato a fare la sua parte.

Ai cittadini di Terni, agli studenti e agli allievi del Briccialdi vogliamo ricordare che l’accelerazione e il completamento del percorso della statalizzazione vengono impresse dai governi PD Letta, Renzi e Gentiloni e fu proprio quest’ultimo, insieme ai parlamentari ternani del PD, ad inserire il Briccialdi nella lista degli istituti che potevano beneficiare della statalizzazione. Il percorso nell’ultimo anno è stato bloccato ed aveva subito un freno per una scelta precisa dell’ex governo nazionale leghista e non perché il Comune fosse in dissesto. L’attuale governo PD-5stelle ha di nuovo sbloccato i fondi per il percorso di statalizzazione.

Chi dirige oggi il Briccialdi conosce bene il lavoro svolto in questi anni e può essere a conoscenza del buon lavoro compiuto dal Ministro Fioramonti e dalla Vice-ministro Ascani che è l’ultimo tassello di un duro lavoro portato avanti dalle giunte di centro sinistra negli ultimi 15 anni.

Il PD di Terni rivendica l’impegno, il percorso, le risorse economiche messe in campo  nei decenni e soprattutto il risultato dell’attuale posizione del Briccialdi ben dentro il percorso di statalizzazione.

 

Il Coordinamento Comunale PD Terni

Il Gruppo Consiliare del PD al Comune di Terni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *