Civitavecchia Porto, Petrelli: “Serve coesione tra gli enti pubblici”

CIVITAVECCHIA – Proposta del consigliere comunale, Vittorio Petrelli, che sposa l’idea di chiedere provvedimenti ad hoc per lo scalo marittimo locale e sollecita l’attuazione dell’adeguamento tecnico funzionale, rimasta bloccata.

“La proposta di chiedere un “Decreto Civitavecchia” – scrive Petrelli – appare fondata, in quanto il nostro scalo è quello nazionale che subirà i maggiori danni da questo lockdown internazionale in quanto, la fonte principale del proprio commercio, è rappresentato dal traffico dei passeggeri nella misura tale da essere il primo scalo nazionale ed il sesto a livello mondiale. Non bisogna fermarsi ad una sola richiesta di sovvenzioni economiche.

Occorre avvalersi di questa emergenza e delle attenzioni che sviluppa per costruire le condizioni di modellare il porto alle esigenze attuali non solo per alcuni traffici ma per lo scalo tutto andando a rispondere a quel mercato sempre più esigente e più efficiente. Ormai da oltre metà dello scorso anno giace la richiesta di adeguamento tecnico funzionale per le banchine 23 e 24 presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici quale migliore occasione di pretendere la soluzione immediata e positiva del procedimento.

L’avvio dell’adeguamento consentirebbe di superare i cavilli burocratici che hanno creato forti tensioni all’interno dello scalo ed impedito di sviluppare altre linee commerciali sfruttando l’ottima posizione geografica, e rappresenterebbe inoltre una soluzione pratica per garantire quella “movimentazione minima” dei container richiesta dal Primo cittadino.

Sempre in questa chiave di sviluppo non dobbiamo dimenticare l’adeguamento delle aree retroportuali e la promozione di un piano ferroviario di modo che si provveda a terminare il collegamento tra il porto e la piattaforma logistica (ex interporto) richiesta fortemente da molte società, sia per ragioni di carattere economico che ambientale.

Noi della lista civica il Buon Governo ci rendiamo disponibili a sostenere qualsiasi iniziativa e qualsiasi sinergia che vada in questa direzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *