Orte – Richiedente asilo del Ghana sequestra 35enne italiana e la violenta ripetutamente. Arrestato dai carabinieri dopo l’allarme e richiesta d’aiuto della madre

I carabinieri hanno trovato la “risorsa” seduto in cucina, nudo, che si rifocillava dalla fatiche compiute. La città ormai ridotta ad una casba dove ogni giorno vengono compiuti reati di ogni genere

ORTE –  Richiedente asilo del Ghana, Gyan Kojo (40 anni), si è introdotto in casa di una donna italiana di 35 anni. L’ha sequestrata, intimidita e violentata ripetutamente e abusando fisicamente in ogni modo della donna.

La città di Orte è orgogliosamente, per alcuni, la più multietnica della provincia di Viterbo. Ci sono tantissimi “scappati dalle guerre”. Assassini, spacciatori e violentatori seriali. Le cronache di questi ultimi mesi parlano di questo.

E’ passata da poco la mezzanotte di ieri quando è scattato l’allarme.

Una telefona alla forze di polizia che chiede aiuto e l’immediato intervento dei militari. Dall’altra parte del centralino una donna di circa 60anni in lacrime. Una madre disperata. E’ lei che on riuscendo più a comunicare per ore con la figlia, nel cuore della notte si è vestita ed è andata nella casa dove quest’ultima vive.

Avendo le chiavi ha aperto e la sorpresa è stata terribile. La figlia nuda in un angolo della casa, terrorizzata, fortemente agitata e neanche in grado di parlare.

Seduto al tavolo della cucina a rifocillarsi il 40enne Gyan Kojo, anch’esso completamente nudo.

La donna è subito scappata, scesa in strada e chiamato la polizia.

Sul posto, chiamati dai colleghi, sono giunte alcune pattuglie dei carabinieri di Civita Castellana che hanno fatto irruzione nell’appartamento, ammanettato e arrestato il richiedente asilo.

Dopo averlo fatto ricomporre lo hanno portato prima in caserma e arrestato per sequestro di persona e violenza sessuale ripetuta.

La donna, soccorsa dal personale del 118, è stata portata in ospedale in evidente stato di shock e fortemente provata. Nel corso della notte è stata sottoposta a tutte le visite mediche e gli accertamenti, a quanto pare, avrebbero trovato conferme delle violenze subite dalla donna.

Questo è il risultato dell’accoglienza indiscriminata di richiedenti asilo che passano le giornate con gli smartphone, spacciano droga e non avendo quello di cui hanno bisogno, non esitano compiere delitti di ogni sorta. Orte è diventata una città pericolosa e i reati sono aumentati in modo considerevole. Comunque non c’è da preoccuparsi più di tanto, del povero ghanese se ne occuperà una delle tante associazioni umanitarie e gli daranno tutto il conforto e l’assistenza di cui necessita. La 35enne dovrà superare il trauma e la shock con il solo aiuto della famiglia. Siamo in Italia del resto.

24 Replies to “Orte – Richiedente asilo del Ghana sequestra 35enne italiana e la violenta ripetutamente. Arrestato dai carabinieri dopo l’allarme e richiesta d’aiuto della madre

  1. È ora di farla finita, noi cittadini vogliamo più sicurezza e tutti coloro che non lavorano devono andarsene da questo paese. Vorrei che le forze dell’ordine fossero più presenti sul territorio specialmente la notte

    1. E’ una situazione non più sostenibile, a dir poco terrificante, agghiacciante e mostruosa. C’è necessita di controllo militare continuo su tutto il territorio e di verifiche approfondite.

        1. Quello che e accaduto azlla Signora non tiene nome,Però porta il Cognome del governo che li ha piantati nel nome del buonismo adesso rimane la stragrante generosità e l’associazione del governo che non li rispedisce.Una chiara indicazione che non vogliono applicare la vera legge che tengono in tutto il mondo per un delitto di rapimento e terrorizando la vittima dove ripetutamente violata, il governo tiene tutta la obbligazione morale,violando la condotta del DOVERE. Rimandare a casa un criminale senza scrupoli,oh mandarlo in prigione per il resto della sua vita,

    2. Siamo in un Paese di ipocriti.Se tenti qualsiasi cosa a favore dell’ordine pubblico e nazionale, gli italioti ti massacrano dandoti del razzista e del fascista. Questo è il trattamento che ci meritiamo, questi gli abusi che subiremo tutti i giorni, finché o sparirà l’Italia intesa come nazione degli italiani o gli italiani si sveglieranno finalmente e faranno pulizia. Ma sappiamo tutti quale delle due ipotesi è la più accreditata. Avanti così!

  2. Non ho parole…
    Perché se esprimo mia idea minimo mi denunciano ….. Va bene così ….in uno stato di regime comunista che di democratico non ha nulla, quello che accade e accadrà sarà il peggio storico degli ultimi 100 anni. Non si posso integrare e civilizzare dei personaggi che hanno vissuto la loro vita senza regole e nella totale povertà …tutto e’ dovuto. Lo avevano capito gli americani come gestirli nel 1800….

  3. A parte il reato ripugnante commesso da quel delinquente che spero verrà punito con la giusta severità mi chiedo come si possa scrivere un articolo così??! Come si possa definire una persona “risorsa” se non con la stessa ignoranza che fa scrivere gasba e non castagne.

  4. Non lascio nessun commento, la situazione parla da se, anche Perchè quello che direi verrebbe bloccato o peggio denunciato. Stiamo anzi no siamo la vergogna del mondo.

  5. L Italia è diventato un paese invivibile . Questi invasori violenti , delinquenti ,cannibali aumentano sempre più e sono legittimati da una magistratura orrenda e da un governo scellerato a compiere ogni tipo di reato . L Italia SI STA SUICIDANDO A CAUSA DI QUESTA POLITICA . BISOGNA LIBERARE IL PAESE CON OGNI MEZXO DA QUESTA GENTAGLIA (intendo sia i delinquenti , sia chi li fomenta e li sostiene ) Non esiste al mondo una situazione simile . NON HO ALTRE PAROLE .CI SAREBBERO LE CONDIZIONI PER ARMARSI E COMBATTERE PER FAR TORNARE L ITALIA UN
    PAESE ACCETTABILE E VIVIBILE .

  6. AUTODIFESA
    costi quel che costi
    I nostri padri e nonni hanno difeso con la VITA la nostra patria, ora è la nostra ora soprattutto contro una magistratura corrotta-rossa (parole di Palamara non mie), anche a rischio di una denuncia
    Purtroppo è arrivato il momento del sacrificio personale che sia di esempio agli altri patrioti

  7. Orte e’ nel piu’ completo degrado, gente di colore che gira tutto il giorno, mi domando di che vivono e dove vivono e poi perche’ cosi’ tanti ad Orte e basta che arrivi a Vasanello che la realta’ e’ diversa. Qui dovunque mondezza, bottiglie di birra vuote sotto le panchine, donne che girano con tutto il
    viso coperto, sempre tutte incinte, ricordo una frase della giornalista Fallaci, il potere del ventre, si, purtroppo con fare figli verra’ un giorno che la nostra bell’Italia sara’ degli extracomunitari che ci detteranno le loro leggi e noi diventeremo i loro ospiti. Per lo meno si attenessero alle nostre regole e discipline, no, assolutamente no! Non conoscono la nostra lingua, non hanno lavoro ma sono qua’ a creare problemi. Salvini ha ragione, chi e’ senza lavoro, chi non conosce lanostra lingua, chi non ha fissa dimora deve ritornare a casa. Invece abbiamo insegnanti in pensione che insegnano loro la lingua gratis quando una lezione privata ai nostri figli costa €25 l’oora, se va bene!! In Canada iper i clandestini c’e’ l’arresto, minimo sei mesi. Abbiamo paura di uscire di casa la sera perche’ non sappiamo mai a cosa andiamo incontro e non e’ sicuro neanche vivere in casa da soli visto quello che e’ successo a quella povera ragazza ortana!

  8. Credo che anche se militarizzassimo tutto il territorio italiano non servirebbe a nulla,questi vanno presi e portati da dove sono stati fatti arrivare,e successivamente chiudere porti e frontiere,ma se lo stato fa finta di non capire bisognerebbe tornare indietro a settanta anni fa bastoni, forconi e mannaie e chi.più ne ha più ne metta,e fare piazza pulita!

    1. A FRANCESCO DE SIENA.Ecco . Almeno cadendo x prima ..saprei che la mia vita e’ servita ad una causa giusta che a qyalcosa a wualcuno sono servita .si e’ tempo forconi bastoni,xspoe vanghe martelli….SI CHIAMA ITALIA XCHE DEVONO VIVERCI PREVALENTEMENTE ITALIANI. Avanti così in meno di 10 anni saremo OSTAGGI..IN CASA NOSTRA !ZITTI E MUTI.

  9. Rivolta contro il silenzio informativo imposto da una dittatura democratica “paradosso italiano”.Ma la rivolta deve essere reale e materiale oltre che ideale.Non sono stimatore dei francesi ma per certe cose hanno più palle di noi

  10. Purtroppo la povera donna rimarrà segnata a vita e quell ignobile merda umana che l’ha violentata se la caverà con poco grazie alla giustizia italiana anzi verrà aiutato pure per essere integrato nella società io lo metterei……..!non lo posso dire esplicitamente però!!!!non si vive più !!!! Siamo pieni di gente che ciondola dalla mattina alla sera prostituendosi e spacciando lo vediamo tutti noi cittadini e chi può non fa nulla che vergogna!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *