Viterbo – Renato Sini, uomo di sport conosciuto in tutta Italia, scrive al Prefetto sul Dpcm che ha chiuso le palestre

Giovedi 29 Ottobre Sit In Piazza Del Plebiscito Alle Ore 12,00 Manifestazione Di Protesta Per I Diritti Dei Cittadini E Degli Operatori Nel Settore Sportivo

VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo: Mi presento, sono un operatore dello sport, mi chiamo Renato Sini, sono uno dei tanti insegnanti che al momento si vede negata, a dispetto del buonsenso, la possibilità di svolgere la propria attività.

Senza che inizi a citare e allegare gli infiniti scritti medico-scientifici che evidenziano l’importanza dello Sport per la salute fisica prevenendo malattie cardiovascolari, obesità, diabete e al mantenimento di un equilibrio psicologico mettendo al riparo da stress, depressione e altri disturbi, vorrei ricordare che lo sport innalza le naturali difese immunitarie fondamentali per resistere agli agenti patogeni tra i quali rientra il COVID 19.

Oltretutto una persona abituata a fare sport è dedita anche a una corretta alimentazione che come sappiamo contribuisce a mantenere un buono stato di salute.

Lettera aperta al Sig. Prefetto di Viterbo:

Gentile Sig. Prefetto

Porto alla sua attenzione ciò che appare come un provvedimento che solo approssimativamente è utile per la salvaguardia dal contagio da COVID 19, ovvero la chiusura di palestre e piscine.

Nelle strutture sportive l’obiettivo perseguito dai frequentatori è la salute, il benessere, e proprio a tutela del personale e della clientela da sempre viene curata molto anche l’igiene.

Pochi giorni fa lo stesso Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora dichiarava che:

” Non ci sono evidenze scientifiche su focolai o contagi nati da palestre e piscine, ritengo che sia più rischioso mangiare in sei, senza mascherine, piuttosto che allenarsi in una sala pesi”.

Infatti prosegue, riferendosi sempre alle strutture sportive:

“Dai controlli dei NAS emerge un rispetto rigoroso ovunque” dei protocolli.

21 ottobre 2020 quotidiano “ll Mattino di Napoli”.

I frequentatori delle palestre hanno applicato le regole di buon senso oltre che le normative, anche con l’ausilio e la guida del personale tecnico delle strutture che si è adoperato per raggiungere e mantenere il massimo livello di sicurezza possibile.

Ritengo quindi non solo ingiusta ma controproducente la chiusura di questi luoghi di salutari attività motorie nel vano tentativo di applicare un’efficace strategia anti-COVID 19, vorrei ricordarle che, come afferma il Ministro, non ci sono state tracce alcune di focolai all’interno di strutture sportive.

E’ a Lei Sig. Prefetto, interfaccia diretta dello Stato con i cittadini, che indirizzo la richiesta d’intervento a salvaguardia del nostro ruolo, forse piccolo, ma fondamentale per il mantenimento della salute pubblica.

Il mondo dello Sport, quello vero, quello accessibile a tutti, anche se vive lontano dai riflettori non è una minaccia da scongiurare.

Per questo motivo mi permetto di invitarla a presenziare al “SIT IN” che si terrà giovedì 29 ottobre p.v. alle ore 12:00 in piazza del Plebiscito Viterbo, avrà così la possibilità di dare un segnale forte di vicinanza nei nostri confronti e di tutta la cittadinanza.

Speranzoso di vederla tra noi anticipatamente la ringrazio.

Renato Sini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *