Lazio: M5S, su futuro sito industriale Civitavecchia coinvolgere territori

Sottosegretaria Todde annuncia tavolo interistituzionale il 4/12 presso il Mise durante le audizioni di oggi nelle Commissioni congiunte VI e XI

ROMA – “Pianificare lo sviluppo economico, in chiave sostenibile, del territorio di Civitavecchia, coinvolgendo le comunità locali e andando oltre la questione strettamente energetica legata al progetto di riconversione a gas della centrale Enel a carbone, in modo da contemplare tutte le altre potenzialità presenti, dal porto alle infrastrutture, fino alla vocazione turistica e agricola presente nel comprensorio”.

Così i consiglieri regionali M5S del Lazio a margine delle audizioni svoltesi oggi nella seduta congiunta della VI e XI Commissione sul sito industriale di Civitavecchia nell’ambito della quale la sottosegretaria allo Sviluppo Economico, Todde, ha annunciato la convocazione presso il Mise di un tavolo interistituzionale specifico per venerdì prossimo, 4 dicembre.

“La crisi economica legata alla pandemia globale covid ci obbliga a ripensare ad un nuovo sviluppo economico, programmato e accompagnato, secondo un’ottica d’insieme che includa i vari portatori d’interesse.

Lo sviluppo economico complessivo dev’essere socialmente utile, economicamente vantaggioso e ambientalmente compatibile; lo sviluppo prettamente energetico non rispetta quest’ultimo punto visto che siamo in un territorio che da anni ne subisce l’impatto – ha dichiarato il consigliere regionale 5stelle, Devid Porrello – E’ assurdo che su 5.2 gigawatt (GW) di produzione a gas programmata per tutta Italia per l’uscita dal carbone, più di 3 GW verranno istallati in pochi chilometri di costa, con le 2 centrali di Civitavecchia e quella di Montalto di Castro. Le volontà del comprensorio vanno rispettate e la programmazione anche di questi grandi players vanno condivise con la comunità, associazioni e comitati. Civitavecchia ha tante potenzialità, ha una posizione centrale nel Mediterraneo. Va sviluppata in modo sostenibile la rete di infrastrutture collegata al porto, anche con una vocazione commerciale, e utilizzati strumenti importanti come i fondi Ue del Recovery Plan e della programmazione 2021-2027”.

“La programmazione economica e industriale di Civitavecchia va oltre i suoi confini amministrativi, per questo vanno coinvolti anche i Comuni del comprensorio al tavolo sulla trasformazione del territorio annunciato dal Mise – aggiunge la consigliera 5stelle, Silvia Blasi – Quando si parla del completamento della superstrata SS675, Orte-Civitavecchia, inoltre bisogna entrare nel merito del tracciato verde, di fatto bocciato dalla Corte di giustizia europea in quanto impatterebbe sull’habitat della Valle del Mignone, ed è per questo che bisogna pensare ad un tracciato alternativo, anche per non esporre l’Italia al rischio di una nuova procedura d’infrazione Ue”, conclude Blasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *