Il Consiglio di Stato, no alla geotermia a Torre Alfina. Andrea Garbini, “siamo fiduciosi per il ricorso al TAR sull’impianto di Castel Giorgio”

Il sindaco di Bolsena Dottarelli: “Messa la parola fine”. I titolari della ditta: “Ricorreremo in Cassazione”

A Torre Alfina (Viterbo) non sorgerà alcun impianto geotermico. A stabilirlo il Consiglio di Stato con la sentenza numero 1399 depositata oggi con cui ha accolto l’appello dei Comuni di Acquapendente, Castel Giorgio, Castel Viscardo e Orvieto contro il pronunciamento del Tar del Lazio.

Il tribunale amministrativo regionale aveva accolto il ricorso della società Itw&Lkw spa, intenzionata a realizzare un progetto pilota nella frazione di Acquapendente, consentendo il proseguimento del piano. Ora i Comuni, rappresentanti dall’avvocato Michele Greco, hanno ribaltato la decisione. E sull’impianto di Torre Alfina cala così la parola fine.

Uno dei soci della Itw&Lkw spa dichiara: “Non è ancora finita. Ricorreremo in Cassazione”.

Diego Righini (Geotermia Italia Spa)

Non comprendiamo quale sia il paessaggio agricolo di pregio da tutelare in un cratere (ex cava) di oltre un milione di metri cubi di basalto scavati con il consenso dei Sindaci.
Impugneremo in Cassazione una procedura illegittima. Questi saranno i primi dossier sul tavolo del nuovo Governo Mario Draghi sul raggiungimento degli obiettivi della green deal con il nex generation italia. Con la Geotermia elettrica e il superbonus cambieremo il sistema energetico del Paese.

Scrive il sindaco di Bolsena Paolo Dottarelli

La sentenza del Consiglio di Stato sulla centrale geotermica di Torre Alfina mette la parola fine ad un progetto che abbiamo combattuto, lungo un percorso difficile e tortuoso.

Finalmente abbiamo la certezza che una prima vittoria è in tasca. Torre Alfina è il primo dei due progetti della Itw –Lkw a pochi chilometri di distanza, ed è il primo ad essere stato cancellato dalla giustizia. Abbiamo avuto sempre la consapevolezza di compiere una battaglia dalla parte della ragione, ma spesso siamo stati poco ascoltati.

In questo momento l’attenzione è sul ricorso per l’impianto di Castel Giorgio, stiamo aspettando la sentenza del 14 gennaio, ma dopo Torre Alfina, siamo molto fiduciosi.

Questo tipo di impianto non è fattibile in una zona come la nostra, non può essere intrapreso il discorso rinnovabili a discapito dell’ambiente.

Complimenti al sindaco Angelo Ghinassi, il suo percorso è stato ineccepibile e complimenti a tutti i sindaci con cui stiamo portando avanti una vera sfida a tutela del nostro territorio.

Paolo Dottarelli
Sindaco di Bolsena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *