Aceto in cucina: un ingrediente indispensabile

Che sia di vino bianco o rosso, di mele o di riso, l’aceto è un condimento prezioso e insostituibile. Scopriamo cosa lo rende così speciale e come usarlo

L’ Aceto non può assolutamente  mancare nelle nostre cucine, reso unico e speciale dalla presenza dell’ ingrediente che è alla base di tutte le sue varianti: l’acido acetico, presente per il 5% in ogni tipologia di prodotto finito.
L’aceto non rappresenta soltanto uno dei condimenti più leggeri e versatili per insaporire insalate, e dare carattere a secondi di carne o pesce, ma è anche un ingrediente davvero eccezionale per cucinare mille tipi di piatti differenti.
Gli usi alimentari dell’aceto sono infatti numerosi e possibili in ogni tipo di pietanza, dall’antipasto al dessert, passando per le salse di ogni qualità.
Spesso l’aceto, che sia di vino, balsamico, di mele o di riso, è proprio l’elemento chiave di tante ricette e il segreto che rende i piatti di molti chef tanto riconoscibili e speciali.
Basta andare su denigris1889.com per scoprire il meglio della tradizione acetiera italiana e scegliere i tipi di prodotto più adatti a ciascuna ricetta.

Consigli di utilizzo
Usato durante la cottura in acqua bollente di legumi e verdure, l’aceto rende gli alimenti più digeribili e mantiene vivace e inalterato il colore di molte foglie rendendo ogni preparazione più bella oltre che più gustosa.
L’aceto, inoltre, agisce come conservante naturale per gli ortaggi: avvolgendoli in un panno bagnato nell’aceto, infatti, questi ultimi possono conservarsi circa una settimana in più del normale mantenendo inalterato gusto e sapore e senza perdere le qualità nutritive specifiche.
Per la sua capacità di eliminare i batteri in modo naturale, l’aceto è ottimo anche per lavare bene frutta e verdura a patto che poi questi alimenti vengano risciacquati in modo accurato con acqua per non comprometterne l’odore.
Poche gocce di aceto sono il segreto che non tutti conoscono per montare le uova a perfezione e per assicurare alla carne cotta sul fuoco morbidezza e gusto allo stato puro.
Per concludere, l’aceto è il tipo di condimento migliore se si deve seguire una dieta ipocalorica.
L’aceto, inoltre, viene smaltito dall’organismo in modo molto rapido e assicura una buona dose di vitamine, sali minerali ed enzimi in grado di favorire il metabolismo.

Ricette con l’aceto
L’aceto è stato utilizzato in cucina fin dall’antichità come condimento saporito e versatile, in grado di caratterizzare con una nota inconfondibile molteplici piatti.
Senza dubbio tra le tante ricette in cui l’aceto è impiegato le salse sono tra le più note e diffuse.
La più rinomata è la vinaigrette ottenuta da una combinazione di olio, sale e aceto di vino bianco.
Su un versante più delicato si pongono le salse ottenute con aceto di miele o aceto balsamico.
Infine, dal gusto più deciso e insolito, le salse più stravaganti e sofisticate, come quella al cren con mollica di pane e rafano.
L’aceto è insomma un elemento prezioso e insostituibile, alla base di molte ricette della cucina italiana e non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *