Concorsopoli Allumiere – L’ex dipendente e sindaco, Antonio Pasquini, convocato in audizione nella “Commissione Trasparenza” della Regione Lazio

Il sindaco non potrà ignorare l’invito della presidente Chiara Colosimo anche in virtù del ruolo di dipendente dell’Ufficio di Presidenza ricoperto negli ultimi tre anni

ROMA – Sulla famosa “graduatoria dei miracoli” di Allumiere si comincia a fare sul serio. La Presidente della XIII Commissione Trasparenza e Pubblicità, Chiara Colosimo, ha convocato in Audizione, per venerdì 28 maggio, il sindaco Antonio Pasquini.

L’oggetto dell’Audizione, che si terrà alle ore 10 in modalità telematica, è “Procedure concorsuali eseguite presso il comune di Allumiere a cui ha attinto anche il Consiglio regionale del Lazio”.

Questa volta Pasquini non si potrà sottrarre alle sue responsabilità e, paradossalmente, sarà obbligato a rispondere alle domande che gli verranno fatte dai membri della Commissione, oltre che per la sua carica istituzionale come sindaco del piccolo comune sui monti della Tolfa, soprattutto per il fatto di essere stato per ben tre anni alle dipendenze dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale.

Anzi, rispetto al ruolo avuto in Consiglio regionale, la funzione di sindaco di Allumiere in questo caso sembra quasi assumere una posizione marginale e proprio per questo motivo Pasquini non si potrà sottrarre alla richiesta di presenza all’Audizione che gli è arrivata in queste ore.

Inoltre, si attendono ancora sviluppi rispetto al parere pro veritate dell’avvocato Stefano Trippanera, incaricato dal comune di Allumiere per la redazione di un parere relativo allo svolgimento del “concorso dei miracoli” di Allumiere.

Parere che è stato richiesto, non si sa ancora a quale titolo, dal sindaco Pasquini con Deliberazione del comune di Allumiere n. 38 del 14 aprile 2021.

La relazione dell’avvocato però c’è stata e non lascia spazio a dubbi: il concorso è da annullare con buona pace di chi ha sfacciatamente ribadito, in più di un’occasione, che le procedure erano regolari: “La procedura concorsuale risulta viziata e l’amministrazione dovrà valutare la percorribilità di un annullamento, anche in autotutela, degli atti che ne siano conseguiti…”.

Il Consiglio regionale del Lazio e molti comuni della regione aspettano le decisioni di Pasquini che non può continuare a far finta di nulla e ignorare il parere pro veritate del legale da lui stesso incaricato e pagato (con i soldi dei contribuenti).

 

XIII CCP - Convocazione e OdG dell'Audizione n. 1T del 28 maggio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *