John McAfee: imprenditore del famoso antivirus trovato morto nel carcere spagnolo

L’imprenditore di software antivirus John McAfee è stato trovato morto nella sua cella in Spagna per un apparente suicidio, ore dopo che la massima corte del paese ha approvato la sua estradizione negli Stati Uniti, dove era ricercato con accuse penali legate alle tasse che portano una pena detentiva fino a 30 anni.

Le forze di polizia regionali della Catalogna, i Mossos d’Esquadra, hanno confermato a El País che McAfee, 75 anni, è stato trovato morto nella prigione brianzola 2 vicino a Barcellona, nella tarda serata di mercoledì.

In una dichiarazione, il dipartimento di giustizia catalano ha detto che gli agenti penitenziari e i medici hanno cercato di salvargli la vita ma non hanno avuto successo.

“Il personale giudiziario è stato inviato in carcere e sta indagando sulle cause della morte”, ha detto il comunicato, aggiungendo: “Tutto indica la morte per suicidio”.

L’avvocato di McAfee ha detto all’agenzia di stampa Reuters mercoledì sera che McAfee si era apparentemente impiccato nella sua cella.

McAfee, il creatore del software per virus McAfee, è stato arrestato lo scorso ottobre all’aeroporto internazionale di Barcellona mentre stava per imbarcarsi su un volo per Istanbul.

L’arresto dell’imprenditore è arrivato il giorno dopo che le autorità avevano reso pubblica un’accusa statunitense derivante da presunti reati fiscali. I pubblici ministeri del Tennessee avevano accusato McAfee di evadere le tasse dopo non aver denunciato i redditi derivanti dalla promozione delle criptovalute mentre faceva lavori di consulenza, così come le entrate derivanti dai suoi convegni in tutto il mondo.

Mercoledì, la più alta corte spagnola aveva approvato l’estradizione di McAfee negli Stati Uniti, anche se la decisione poteva essere impugnata e l’estradizione avrebbe dovuto essere approvata dal gabinetto spagnolo.

“Il tribunale accetta di concedere l’estradizione di John David McAfee come richiesto dalle autorità giudiziarie americane per i crimini menzionati nelle incriminazioni per reati fiscali per anni dal 2016 al 2018”, si legge nella sentenza di 16 pagine.

Da quando ha fatto fortuna negli anni ’80 con il software che porta ancora il suo nome, McAfee si era impegnato in un comportamento sempre più irregolare, più recentemente come sedicente guru delle criptovalute che affermava di guadagnare 2mila dollari al giorno.

La sua omonima società divenne infine un’entità domestica nella sicurezza antivirus, ma cercò di prendere le distanze dal suo controverso fondatore dopo le dimissioni nel 1994.

McAfee è stato acquistato dal produttore di chip per computer Intel nel 2010 per 7,7 miliardi di dollari ed è stato impiegato nella più grande divisione di sicurezza informatica di Intel. Il rebranding è stato di breve durata e Intel nel 2016 ha trasformato l’unità di sicurezza informatica in una nuova società chiamata McAfee.

La vita personale di McAfee spesso attirava tanto interesse quanto i suoi successi professionali. Ha provato per ben due volte a concorrere per la presidenza degli Stati Uniti ed è stato un partecipante ai dibattiti presidenziali del partito liberale nel 2016. Si dilettava nello yoga, negli aerei ultraleggeri e nella produzione di farmaci a base di erbe.

Ha spesso propagandato teorie cospirative sui social media ed è diventato oggetto di frenetici controlli mediatici in seguito all’omicidio irrisolto nel 2012 di un vicino in Belize.

Quando la polizia lo trovò a vivere con una ragazza di appena 17 anni scoprì un grande arsenale di armi nella sua casa nel paese centroamericano, McAfee.

Nel 2015, McAfee è stato arrestato negli Stati Uniti per guida sotto in stato d’ebbrezza e in possesso di una pistola.

Nel luglio 2019, è stato rilasciato dalla detenzione nella Repubblica Dominicana dopo che lui e altri cinque erano sospettati di viaggiare su uno yacht che trasportava armi di alto calibro, munizioni e equipaggiamento di tipo militare.

A marzo, è stato accusato in un tribunale federale di Manhattan per uno schema ingannevole sulle transazioni di criptovalute.

In un’audizione tenuta tramite collegamento video all’inizio di questo mese in Spagna, McAfee aveva sostenuto che le accuse contro di lui erano politicamente motivate e ha detto che avrebbe trascorso il resto della sua vita in prigione se fosse stato restituito negli Stati Uniti.

In un’intervista al quotidiano britannico The Independent, McAfee aveva detto che la sua esperienza di essere in una prigione spagnola è stata una “avventura affascinante” e aveva pianificato di non tornare mai più negli Stati Uniti.

Il suo principale punto di contatto fuori dalla prigione, disse McAfee, era sua moglie, Janice. L’ultimo post dal suo account Twitter è stato un retweet di un suo messaggio per la festa del papà.

“Questi otto mesi trascorsi da John in prigione in Spagna sono stati particolarmente duri per la sua salute generale sia mentalmente che fisicamente, oltre che finanziariamente, ma non è imperterrito dal continuare a dire verità al potere”, aveva scritto la moglie.

I teorici della cospirazione hanno già colto la morte di McAfee, modificando la sua pagina Wikipedia per dichiarare che è stato assassinato. L’apparente suicidio di McAfee arriva dopo aver condiviso tweet sulle cattive condizioni in prigione.

Ore dopo la sua morte, un post con la lettera Q è stato condiviso sull’account Instagram di McAfee. L’immagine è probabilmente un riferimento a QAnon – la teoria del complotto infondata che esiste un ordine mondiale segreto di pedofili satanici che vengono combattuti in segreto dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *