Vaccinati oltre 10mila marittimi al porto di Civitavecchia: soddisfatto l’assessore D’Amato

Marietta Tidei (Iv): “Grande senso di responsabilità da parte dei lavoratori”

CIVITAVECCHIA – “Stamani ho avuto un colloquio telefonico con il Direttore generale della Asl Roma 4, Cristina Matranga per fare un punto della situazione sulla campagna vaccinale. La Asl ha da tempo costituito un hub vaccinale proprio presso il Porto di Civitavecchia e sono state finora eseguite oltre 10 mila vaccinazioni al personale marittimo e della logistica. Ad oggi non si segnalano criticità e sin dall’inizio della pandemia vi è stato sempre un rapporto di forte collaborazione sia con l’Autorità portuale, che con la Compagnia dei lavoratori e la Capitaneria di porto, per mettere in sicurezza sia il personale che le attività economiche”.

È quanto dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
“Al porto di Civitavecchia sono state eseguite fino ad ora più di diecimila vaccinazioni al personale marittimo della logistica e del porto: sono numeri che attestano il grande senso di responsabilità che i lavoratori stanno dimostrando alla vigilia dell’introduzione dell’obbligo del green pass per lavorare”. Lo dichiara, in una nota, la consigliera regionale del Lazio Marietta Tidei (Italia Viva).

“Se è possibile arrivare a domani senza criticità è merito dell’impegno e della sinergia tra Regione, Asl Roma 4, Autorità portuale e Capitaneria che hanno consentito l’apertura di un hub vaccinale presso il porto. Questo è stato fondamentale per accelerare la campagna vaccinale e per mettere in sicurezza i lavoratori e le attività all’interno dello scalo. Il green pass è uno strumento che tutela salute e lavoro, uno strumento fondamentale per farci uscire definitivamente dall’incubo della pandemia. Ritengo profondamente sbagliate le proposte di chi in queste ore vorrebbe addossare le spese dei tamponi per i non vaccinati allo Stato o alle imprese. Il vaccino rimane l’unica strada. Speriamo che lo capiscano in tanti”, conclude Tidei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *