Valentano – Cacciarella record della squadra “Pelofino”, abbattuto “Tatanka”, un cinghiale da 175 chili

Nella stessa battuta è finito anche un altro maschio da 125 chilogrammi. Erano il terrore di automobilisti e cacciatori

VALENTANO – Ieri si è aperta finalmente la caccia al cinghiale. Nessuno però poteva immaginare, della squadra del “Pelofino” di Valentano, che quella di ieri sarebbe entrata nella storia degli abbattimenti, almeno nel viterbese.

La cacciarella ha consegnato alla storia due abbattimenti straordinari. Il primo in assoluto quello del cinghiale ribattezzato “Tatanka” perché talmente grande da somigliare ad un bisonte. L’altro, probabilmente il figlio, pesava “solamente” 125 chili. Due bestioni che hanno imperversato almeno per due anni sul territorio. Più volte investiti da autovetture hanno riportato solo leggere ferite lasciandosi dietro auto da rottamare.

Incontrarlo, Tatanka, incuteva terrore. Due zanne laterali grandi come pugnali. Uno sguardo feroce e cicatrici ovunque. Era sopravvissuto anche ai pallettoni sparati chissà quando e rimasti come cimelio dentro i suoi prosciutti.

Tatanka e il suo compare, ieri, sono stati traditi dalla leggerissima pioggia e dal fiuto infallibile del segugio Nina, una femmina dachsbracke di otto anni.

La squadra era composta da sette persone e prima che il loro record di abbattimento possa essere superato ne passerà davvero tanto di tempo.

7 Replies to “Valentano – Cacciarella record della squadra “Pelofino”, abbattuto “Tatanka”, un cinghiale da 175 chili

  1. Erano almeno 30 anni che non vedevo immagini del genere! animali ammazzati per il solo piacere di farlo e poi appesi come un trofeo!
    Improvvisamente mi sembra di assistere ad un ritorno al medioevo! che tristezza!
    e tutti gli ultimi incidenti, che hanno visto persone morte, non sono serviti assolutamente a niente! che tristezza!

    1. Se pur di nobile non è rimasto nulla nella caccia, quantomeno serve a sopperire alla carenza di predatori naturali ( che poi parliamoci chiaro, ci vorrebbe un branco da almeno 20 lupi per atterrare uno tipo Tatanka).
      La caccia ormai è puramente selettiva!
      Che poi ci facciano un film, girino foto è un po’ triste ma dimostra che di bestie potenzialmente pericolose ( eccetto l’uomo) c’è ne sono e di cacciatori c’è n’è bisogno.

      Comunque tranquillo che Tatanka con quelle palle avrà seminato per mezza provincia e anche se non ci sono dati ufficiali, la media di riproduzione per le femmine di cinghiale, è che partoriscono fra i 3 e i 15 piccoli anche tre volte all’anno!

    2. Ma perché quelle fettine in busta che prendi dal supermercato da cosa provengono? Animali. Con la differenza che la selvaggina abbattuta dai cacciatori è selvatica, mangia roba genuina e sopratutto fa una vita più degna di quella che mangi tu di allevamento dove ogni animale ha 3 metri quadri per mangiare mangime e defecare. Io mi domando, ma chi vi fa parlare bho!!!….se poi siete vegetariani e vegani lasciamo proprio stare.

    3. Hanno fatto bene,prima di parlare e dire puttanate,se nn siete agricoltori ec ecc che subiscono ogni anno danni da questi animali,state a casa e parlate quando piscia la gallina che fate più bella figura,poi magari voi siete i stessi che mangiano carne ecc ecc parassiti

  2. Il problema dell’aumento dei cinghiali in natura sta diventando un vero problema per i coltivatori e piccoli contadini i quali vedono quotidianamente andare in fumo il loro raccolto e nonostante la loro caccia aumentano sensibilmente ogni anno, quindi gli animalisti prima di parlare che si informano bene prima.

  3. Non sono notizie da pubblicare sulle pagine di un giornale… Non ci trovo nulla di sensazionale/clamoroso nell’uccidere a fucilate un meraviglioso animale libero nel su ambiente naturale. Inolre, una notizia del genere, può offendere la sensibilità di molti, che come me, sono contrari alla caccia (e lasciamo stare la bestialità di considerare la caccia come strumento regolatore delle specie….)
    Etruria news non è una rivista di settore…nel rispetto di tutti i lettori, cercate di selezionare con maggiore attenzione i contenuti delle vostre pagine web…quantomeno se il vs scopo è quello di continuare ad esistere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *