Roma – Governo confermerà obbligo indicare origine in etichetta per pasta, pomodoro, riso, latte, prodotti caseari e salumi

ROMA – Il ministero delle Politiche Agricole ha già provveduto ad inviare i decreti di proroga ai ministeri competenti, ovvero quelli della Salute e dello Sviluppo economico, per estendere fino al 31 dicembre 2022 l’obbligo di indicare in etichetta l’origine delle materie prime, in scadenza a fine anno.

Saranno interessati la pasta con il grano duro, il pomodoro, il riso, il latte e i prodotti caseari nonché le carni suine trasformate. Lo annuncia la deputata aretina Chiara Gagnarli, capogruppo M5S in commissione Agricoltura, a margine del question time in Comagri.

“Il MoVimento 5 Stelle – ha ricordato la parlamentare – si batte sin dal suo ingresso in Parlamento per un’etichettatura trasparente sull’origine delle materie prime degli alimenti che renda pienamente consapevole il consumatore nelle scelte da compiere.

Un risultato raggiunto nel 2018 e da allora prorogato. Si tratta di indicazioni – ha concluso – che costituiscono oramai elementi indispensabili ad orientare le scelte di acquisto dei consumatori, sempre più spesso interessati al prodotto ottenuto e lavorato in Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *