Civitavecchia Porto – Agenzia Dogane sequestra 32 tonnellate di filati di lino. False le indicazioni di origine

All’importatore, oltre al sequestro della merce, irrogate due sanzioni amministrative da 20mila euro ciascuna

CIVITAVECCHIA – Al termine di una specifica attività volta alla tutela del commercio compiuta durante la scorsa settimana, sono state sottoposte a sequestro amministrativo dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Civitavecchia quasi 32 tonnellate di filati di lino, in due distinte operazioni, destinati alla fabbricazione di filati ritorti, del valore di circa 270mila euro, per fallace indicazione di origine.I cartoni contenenti i prodotti semilavorati, di origine e provenienza tunisina, riportavano la denominazione di un marchio commerciale italiano, registrato presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi – UIBM; in assenza di idonee indicazioni, ciò avrebbe potuto indurre in inganno il consumatore sulla reale origine dei prodotti, manifestandosi in una irregolarità nella etichettatura del prodotto finito destinato al mercato comunitario ed extracomunitario.

La merce è stata sottoposta a sequestro amministrativo e all’importatore sono state irrogate due sanzioni amministrative, ciascuna per 20mila euro, con successiva segnalazione alla Camera di Commercio in caso di inadempienza di quanto disposto a tutela del Made in Italy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *