Tarquinia – Ieri sera aggredita troupe di “Chi l’ha Visto” durante la diretta

Persona disturbata di mente e non nuovo a gesti simili ha minacciato con il coltello prima la giornalista Chiara Cazzaniga poi gli operatori

TARQUINIA – Gianluca Gigio è persona conosciuta in paese, soprattutto per i suoi folli gesti. Da tempo avrebbe bisogno di cure ma dopo l’episodio di ieri sera un TSO sarebbe il minimo da applicare.

Erano da poco passate le 22. Chiara Cazzaniga, inviata della trasmissione Chi l’ha Visto, era in piazza della Repubblica collegata con la diretta in onda in quel momento.

Gigio, che girovagava con la chitarra e l’amplificatore si è messo dietro la troupe ed ha cominciato a suonare ad alto volume sotto la pioggia e con pochissime persone in giro in quel momento.

Gianluca Gigio

Quando la giornalista lo invitato gentilmente di smettere perché si stava collegando ha tirato fuori dalla tasca un coltello ed ha cominciato ad inveire prima contro di lei poi con l’operatore e l’assistente.

Momenti di panico e paura durati pochi secondi perché alcuni giovani che stavano ad un pub vicino, sentendo le urla, sono intervenuti disarmando e bloccando lo squilibrato rendendolo innocuo. Nel frattempo la giornalista aveva chiesto aiuto al commissariato di polizia che si trovava a poche decine di metri e, nonostante l’agitazione è tornata alla calma “moncando” purtroppo, gran parte dei servizi preparati.

Con la chiusura dei manicomi è inevitabile che queste persone vaghino come mine vaganti per la città mettendo in pericolo la loro vita ma anche quella degli altri. Fortunatamente tutto si è concluso nel miglior modo possibile e nessuno si è fatto male. Un plauso al coraggio dei ragazzi di Tarquinia che hanno difeso la troupe e impedito al folle di andare oltre a quelle che erano le sue minacce.

Lo staff del sindaco si è assicurato che la giornalista e la sua troupe avessero tutto il supporto necessario ma alla fine tutto si è concluso fortunatamente senza ulteriori disagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *