Viterbo – Controlli anti Covid dei carabinieri sui mezzi pubblici: arrestati due spacciatori

Sequestrati oltre 60 grammi di cocaina e 30 di hashish tra Viterbo e Bolsena

VITERBO – I carabinieri delle compagnie di Viterbo e Bolsena hanno effettuato nel fine settimana controlli mirati al rispetto della profilassi sanitaria per il contenimento della pandemia, in particolare sui mezzi pubblici, controllando che gli utenti fossero in possesso dei requisiti previsti.
A Bolsena i carabinieri hanno controllato tutti i passeggeri che scendevano da un autobus di linea, e quando sono arrivati al turno del soggetto poi arrestato per spaccio, hanno notato un certo nervosismo che già trapelava da quando era fermo in attesa, ed una volta giunto in prossimità dei carabinieri per far vedere la correttezza dei documenti è trapelato chiaramente un forte disagio, che ha convinto gli stessi a condurlo in caserma e sottoporlo a perquisizione ,dove è stato trovato con due pacchetti sigarette all’ interno dei quali aveva nascosto 40 dosi di droga per un peso di 51 grammi; immediatamente è stata perquisita anche la sua abitazione dove sono stati trovati altri 10 grammi di cocaina oltre a materiale per confezionare le dosi. Lo spacciatore è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
A Viterbo i Carabinieri del Nucleo Operativo e radiomobile hanno effettuato controlli su più mezzi pubblici in arrivo, ed in uno in particolare hanno trovato un cittadino di origini straniere non in regola peraltro con la corretta profilassi sanitaria anti covid, ed hanno voluto approfondire il controllo sottoponendolo a perquisizione personale poiché dava adito a sospetto e non era in regola neanche con i documenti personali; l’ intuizione dei Carabinieri di approfondire il controllo sottoponendolo a perquisizione è stata giusta dato che è stato trovato in possesso di 11 involucri di hashish per un peso di 22 grammi e dalla successiva perquisizione estesa alla sua abitazione sono stati trovati altri 10 grammi di hashish; il soggetto è stato quindi arrestato e sottoposto al regime di detenzione domiciliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *