Civitavecchia – Al Traiano arrivano Dapporto e Fassari con “Il delitto di via dell’Orsina” di Eugène Labiche

CIVITAVECCHIA – Con il suo nuovo spettacolo, Andrée Ruth Shammah torna alla drammaturgia francese scegliendo una commedia brillantemente costruita da un gigante come Eugène Labiche.

IL DELITTO DI VIA DELL’ORSINA, in scena sabato 22 ore 21 e domenica 23 Gennaio ore 17 al Teatro Traiano per la stagione nata dalla collaborazione tra il Comune di Civitavecchia e ATCL Circuito multidisciplinare del Lazio, sostenuto da MIC – Ministero della Cultura e Regione Lazio.

In questa occasione dirige per la prima volta due grandi interpreti del teatro e del cinema italiano: Massimo Dapporto e Antonello Fassari: “Pensando a questi due personaggi – afferma Shammah – profondamente diversi l’uno dall’altro: uno ricco, nobile, elegante e l’altro rozzo, volgare, proletario che devono confrontarsi con quello che credono di aver fatto, ho pensato subito a Massimo Dapporto e Antonello Fassari, un’accoppiata con cui non ho mai avuto l’occasione di lavorare – e che non ha mai lavorato assieme – ma assolutamente perfetta per dare vita a questa storia.”

La trama. Due uomini si risvegliano nello stesso letto, con le mani sporche e le tasche piene di carbone.

Non ricordano nulla di quanto accaduto la notte precedente dopo aver lasciato una festa.

Da un giornale apprendono che una giovane carbonaia è morta quella notte e, tra una serie di malintesi ed equivoci, si fa strada la possibilità che i due abbiano commesso quell’efferato omicidio.

I due protagonisti, per evitare di essere incolpati, si dimostreranno capaci del peggio: l’eliminazione di tutte le prove del loro crimine. Ma un’incredibile ed inaspettata svolta dell’ultimo momento fermerà l’assurda escalation omicida.

Fattori e cast. A livello drammaturgico la regista è intervenuta su diversi piani con una ricontestualizzazione dell’opera che non si limita alla sola trasposizione dei fatti in un’altra epoca – l’Italia prefascista.

Luoghi e personaggi inclusi i loro nomi sono stati reinventati nel rispetto della musicalità, della ritmicità e del significato dell’originale.

Ha inoltre inserito elementi appartenenti ad altre commedie dell’autore, inventando alcune aggiunte nel testo, anche grazie all’aiuto degli attori, soprattutto per le parole delle canzoni.

Un’altra novità importante è il secondo cameriere, non presente nel testo originale, che va ad arricchire la galleria di questi incredibili personaggi, disposti a tutto pur di mantenere le proprie apparenze integre di fronte allo sguardo e al giudizio della società.

Completano il cast Susanna Marcomeni, Marco Balbi, Andrea Soffiantini, Christian Pradella, Luca Cesa-Bianchi. Le scene sono di Margherita Palli, i costumi di Nicoletta Ceccolini, le luci Camilla Piccioni mentre le musiche eseguite dal vivo da una piccola orchestra (pianoforte – flauto – clarinetto) sono di Alessandro Nidi.

Note di regia. Il primo lavoro che ho fatto sul testo è stato quello di trasportare l’ambientazione dell’intera vicenda dalla Francia all’Italia. Quindi sono cambiati i nomi delle strade, così come quelli dei personaggi. Nel tradurre i nomi, era importante mantenere per ognuno di essi quella ritmicità e musicalità tipiche di Labiche.

Era essenziale infatti conservare nella traduzione, fatta insieme a Giorgio Melazzi, l’atmosfera lessicale del testo originale, perché è nella loro immediatezza che queste commedie riescono ad essere così efficaci. La seconda operazione è stata quella di spostare anche l’epoca di svolgimento dei fatti.

Ho cercato un periodo storico in cui un certo comportamento ignavo della borghesia italiana, potesse assumere una luce più nera ed oscura, e l’ho trovato negli anni del prefascismo. Questo ha comportato una revisione di alcuni aspetti del testo e l’aggiornamento dei dettagli storici – presenti anche nella scenografia e nell’attrezzeria di scena – perché il contesto esterno in cui si svolge la vicenda, influisce anche in ciò che accade all’interno. L’ultimo grande lavoro che ho fatto sul testo è stato quello di far entrare la vita.

Mantenendo solida la struttura teatrale perfetta costruita da Labiche, mi sono divertita ad inserire elementi presi da altre sue opere. Ho letto tutta la sua drammaturgia e ho incastrato nel testo temi, brevi scene e battute appartenenti ad altre sue commedie, per indagare ancora di più l’autore e creare uno spettacolo che presentasse al pubblico, non una singola opera di Labiche, ma Labiche stesso.

La novità più importante è il secondo cameriere. Nel testo originario, il cameriere era uno. Ma in un’altra commedia di Labiche ho trovato due servitori e ho pensato che l’aggiunta di questo “doppio personaggio” potesse arricchire la situazione di molti aspetti della vita profondamente umani e reali: il passaggio di consegna da una generazione all’altra, il doppio punto di vista sull’epoca presente, il confronto tra un giovane e un vecchio.

Allo stesso modo umano e reale è anche il contemporaneo conflitto tra essere e apparire, che secondo me è uno dei temi più rilevanti di tutta l’opera. La cosa più importante, per i protagonisti della vicenda, sono le apparenze. Non chi essi siano veramente, ma chi sono per gli altri. E per mantenere le proprie apparenze integre, di fronte allo sguardo e al giudizio della società, sono disposti a fare di tutto, ma proprio di tutto.

Nell’adattamento poi, partendo da Labiche, mi sono permessa di inventare io stessa alcune aggiunte al testo, anche grazie al prezioso aiuto che mi è stato dato dalla compagnia nel corso delle prove. Specialmente per le parole delle canzoni, ho dato agli attori molto spazio per inventare, e loro, in particolare Massimo Dapporto e Antonello Fassari, che ringrazio di cuore, hanno saputo usare questo spazio con particolare creatività ed intelligenza.

Queste aggiunte, assieme al lavoro di adattamento che ho poi portato avanti nel corso di tutto l’allestimento, hanno fatto sì che lo spettacolo assumesse dei toni e dei significati sempre più verosimili. I personaggi sono diventati più complessi, e quindi più veri. E questa loro maggiore umanità ha contribuito a rendere tutta la vicenda più credibile, più reale, anche se surreale – come tutti gli oggetti di scena – al punto da non poter poi recuperare, alla fine, la strada che aveva preso all’inizio. Quello che è successo è che, appunto, si è intromessa la vita. E quando nel teatro si intromette la vita, il finale, inevitabilmente, cambia. Andrée Ruth Shammah

Info e prenotazioni. Biglietti:
intero ridotto
Poltronissima: euro 27,00 + 2,00 prev. euro 25,00 + 2,00 prev.
Poltrona: euro 25,00 + 2,00 prev. euro 23,00 + 2,00 prev.
Galleria: euro 22,00 + 1,50 prev. euro 20,00 + 1,50 prev.
Balconata: euro 18,00 + 1,50 prev. euro 16,00 + 1,50 prev.

Biglietto Cambio Turno: euro 5,00

TEATRO COMUNALE TRAIANO Corso Centocelle 1 – 00053 Civitavecchia
tel. 0766 370011
comunicazione@teatrotraianocivitavecchia.it
www.teatrotraianocivitavecchia.it
www.atcllazio.it

botteghino: dal martedì al sabato orari 9.00 -13.00 / 15.00 – 19.00
Apertura in caso di spettacolo: domenica e festivi 16.00 – 17.30

ATCL: ufficio stampa Emanuela Rea, rea@atcllazio.it; tel. 06 45426982; 3805882657

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.