Civitavecchia – Biodigestore, Cgil: ”Regione apra un tavolo”

CIVITAVECCHIA – «Apprendiamo con stupore dell’approvazione in conferenza dei servizi del progetto di realizzazione di un biodigestore in località Monna Felicita nel comune di Civitavecchia.

A quanto risulta, l’approvazione arriva nonostante il parere contrario sia del Comune di Civitavecchia che dei comuni limitrofi, ma soprattutto nonostante il parere della Asl che ha ben evidenziato l’inopportunità di esporre ad ulteriori fattori inquinanti il territorio e cittadini».

Così, in una nota, la Cgil di Roma e del Lazio e la Cgil di Roma nord Civitavecchia Viterbo.

«L’impianto in questione, con capacità pari a 120.000 tonnellate – continua la nota – stride con le indicazioni contenute nel Piano Regionale Rifiuti, che nel definire gli ATO, prevede che ogni territorio debba realizzare impiantistica proporzionale al fabbisogno. Nella fattispecie, il Comune di Civitavecchia ha, in tal senso, un fabbisogno pari a 7000 tonnellate annue, mentre la capacità autorizzata risulta quindi totalmente sproporzionata.

Siamo certi che non sfugga a nessuno quanto quel territorio abbia dato in termini di servitù al Paese ed è bene ricordare che la discarica locare è andata ad esaurimento per il surplus di rifiuti derivati dalla emergenza Capitolina. Aggiungere un impianto di quella portata, sarebbe un colpo di grazia al territorio alla vigilia della Carbon exit che dovrebbe, invece, restituire vivibilità e prospettive di sviluppo diverse e green all’intero comprensorio.

Attendiamo che la Regione apra immediatamente un tavolo di confronto per chiarire le motivazioni che hanno portato a tale decisione sbagliata per il territorio e che la Cgil contrasterà in ogni modo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.