Viacard, Marietta Tidei: ”La Regione sblocchi i rimborsi”

CIVITAVECCHIA – Il consigliere regionale di Italia Viva Marietta Tidei interviene sulla difficile situazione degli autotrasportatori, gravati dal rincaro carburanti e in stato di mobilitazione da giorni, ricordando come un aiuto concreto potrebbe arrivare dalla Regione Lazio con lo sblocco dei rimborsi per i pedaggi autostradali, già finanziati e mai erogati.

“Bene ha fatto Assotir di Civitavecchia a richiedere un incontro urgente all’assessore regionale alla Mobilità Alessandri per richiedere attenzione e collaborazione in questo difficile momento – ha spiegato Tidei – in tale ambito, sarebbe opportuno che la Regione Lazio desse un segnale concreto di vicinanza alla categoria, sbloccando la questione del ristoro dei pedaggi autostradali agli autotrasportatori nella tratta Civitavecchia-Santa Marinella, che deve essere percorsa obbligatoriamente per non gravare la viabilità urbana con il traffico dei mezzi pesanti.

Ristori deliberati già nel dicembre 2018 in sede di bilancio, grazie ad una mia sollecitazione, e nel 2019 grazie ad un successivo mio emendamento. Ad oggi queste risorse non sono ancora state erogate.

Dopo una lunga serie di riunioni, presso l’Assessorato, per mettere a punto il meccanismo che doveva stabilire le modalità di erogazione e rendicontazioni di tali spese, il provvedimento non ha più visto attuazione. Chiedo quindi, anche come segnale di attenzione nei confronti del comparto, che la Regione Lazio si attivi subito per sbloccare una situazione annosa, che determinerebbe un aiuto concreto, seppur limitato al costo dei pedaggi, agli autotrasportatori in questo difficile momento”.

Nel frattempo dalla stessa consigliera è arrivata la vicinanza e solidarietà alla categoria degli autotrasportatori, così duramente colpita in queste settimane dal rincaro dei carburanti e per tutta una serie di problematiche rimaste senza risposta per troppo tempo. “A riguardo – ha concluso – mi auguro che il Governo arrivi presto ad una soluzione che soddisfi le richieste del comparto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *