Intelligenza artificiale e gestione dei rifiuti: è giunta l’ora dei robot

La gestione dei rifiuti è un grosso problema di qualsiasi centro urbano, soprattutto delle città più grandi. Lo sanno bene città come Milano, Napoli e Roma, dove le discariche sono al collasso e non sembra esserci una vera e propria direzione per smaltire in modo corretto e veloce la quantità di rifiuti prodotti dalle aree residenziali e quelle aziendali. E la situazione, sfortunatamente, può solo che peggiorare. Secondo la Banca Mondiale, infatti, la produzione globale di rifiuti dovrebbe aumentare del 70% nel 2025.

E come fare, dunque, a gestire tutta questa spazzatura? La soluzione ci viene dall’intelligenza artificiale (AI). L’intelligenza artificiale non solo può aiutarci a riconoscere i diversi tipi di rifiuti, ma a selezionarli per riciclarli e/o riutilizzarli. L’AI per la gestione dei rifiuti non è più solo teoria, ma è già in uso in diversi settori industriali. Solo nel 2019 sono stati installati 373mia robot industriali a questo scopo, mentre nel 2020 le macchine robotiche in uso per lo smaltimento della spazzatura erano circa 2.7 milioni.

AI Waste Management: di cosa si tratta?

La Waste Management AI non è altro che la gestione dei rifiuti basata sull’intelligenza artificiale. Quando pensiamo all’intelligenza artificiale subito ci vengono in mente chip dei computer, assistenti smart associati al nostro telefono, auto di lusso e molto altro. L’AI è una tecnologia che attraverso algoritmi molto sofisticati permette alle macchine di apprendere dall’uomo, sostituendosi a quest’ultimo laddove necessario. Sappiamo che è già in uso in diversi comparti ed è impiegata per gestire sistemi e applicazioni di ogni genere, inclusa, ormai, la gestione dei rifiuti.

La gestione dei rifiuti AI può declinarsi in diversi modi. Ad esempio, possiamo usufruire di bidoni intelligenti per la raccolta, che informano la società di gestione quando sono pieni. Ciò, naturalmente, ottimizza i percorsi di raccolta, riduce la manodopera e permette di risparmiare sul carburante, diminuendo, di conseguenza, l’impronta ecologica. L’intelligenza artificiale in correlazione con lo smaltimento rifiuti, può essere anche utilizzata come tramite tra i cittadini e i punti di raccolta, così da garantire uno smaltimento adeguato e valorizzato dei rifiuti, che eviti loro di finire semplicemente in discarica.

Che cos’è il Garbage Sorting AI?

Prima di essere gettata, la spazzatura va divisa correttamente a seconda delle linee guide istituite dal comune di residenza circa la raccolta differenziata. App come Junker possono venire in aiuto in casa quando si effettua la raccolta differenziata. Junker, infatti, utilizza l’intelligenza artificiale applicata a tecniche avanzate di riconoscimento immagine. In parole povere, facendo una foto a un oggetto, l’app comunica immediatamente il materiale di cui è composto e la corretta modalità di conferimento.

Una volta conferita e gettata, la spazzatura viene smistata e lavorata negli impianti di raccolta per poter essere riciclata correttamente. E se fino a poco tempo lo smistamento avveniva manualmente, adesso con l’intelligenza artificiale e l’utilizzo di robotica di precisione, è possibile semplificare il processo e aumentare la velocità, nonché l’accuratezza, con cui i rifiuti vengono differenziati.

In che modo l’AI può contribuire a migliorare l’ambiente?

È innegabile che la tecnologia stia cambiando il nostro modo di vivere. Dallo shopping al modo in cui guardiamo la TV fino al cibo d’asporto, ormai non possiamo fare più a meno di app e connessione a internet. Un settore che negli ultimi anni ha sicuramente fatto passi da gigante dal punto di vista tecnologico nella fornitura di attività ludiche a distanza è senza dubbio quello del gioco d’azzardo. Ormai per giocare e scommettere al casinò esistono siti e app davvero a portata di clic. Certo, trovare quelli affidabili non è sempre facile, ecco perché in soccorso arrivano piattaforme indipendenti dove è possibile scoprire non solo giochi gratis, ma consigli, dritte e raccomandazioni sui casinò online più sicuri e legali, nonché guide utili sui bonus, le regole dei giochi e molto altro.

L’intelligenza artificiale può aiutare a separare i rifiuti in modo più corretto, evitando così che un’alta percentuale venga inviata alle discariche, come è accaduto finora. La tecnologia robotica è, inoltre, in grado di lavorare per periodi di tempo prolungati e coerentemente. Ciò si traduce in un chiaro vantaggio sull’ambiente, portando benefici finanziari e operativi alla società di gestione dei rifiuti. C’è, infine, un altro dato da considerare in relazione all’AI e la gestione dei rifiuti, ed è quello dell’economia circolare. Il riutilizzo, il recupero e il riciclo dei materiali esistenti azzerano l’impatto ambientale negativo dei rifiuti, portandoci verso una realtà più sostenibile e con un maggior vantaggio economico.

Photo Source: Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *