Tarquinia – Un parco eolico offshore anche nella città etrusca

Da Civitavecchia a Pescia Romana dovrebbero sorgere quasi duecento pale eoliche in mezzo al mare. Una foresta che cambierà per sempre la nostra costa

TARQUINIA – Anche al largo del mare di Tarquinia si vorrebbe realizzare un parco eolico off-shore.

A presentare la proposta di progetto la società Helios energy srl con sede a Potenza, la quale ha presentato alle istituzioni competenti una istanza di concessione demaniale marittima per la durata di 40 anni per l’occupazione di uno specchio acqueo e zone di Demanio marittimo per la realizzazione e l’esercizio di un parco eolico offshore di tipo galleggiante denominato Seabass e delle relative opere di concessione alla Rete di trasmissione nazionale Rtl da localizzarsi al largo della costa del Lazio ad una distanza compresa tra i 12 e i 26 chilometri dalla costa, con un punto di approdo dei cavi dotti sottomarini nel comune di Tarquinia.

 

Parco eolico previsto a Tarquinia

 

Venti giorni di tempo per presentare le eventuali osservazioni secondo quanto ordinato dalla Capitaneria il 26 ottobre 202 su disposizione del capo del compartimento marittimo e comandante della Capitaneria di porto Filippo Marini.

La proposta di progetto , pubblicata sull’albo pretorio del Comune di Tarquinia lo scorso 31 ottobre 2022, va ad aggiungersi a quella avanzata da un’altra società per Montalto di Castro e quella che si vorrebbe realizzare a Civitavecchia, rendendo di fatto la costa litorale di Viterbo e Roma un grande parco eolico offshore.

Parco eolico previsto a Civitavecchia

 

Per quanto riguarda Civitavecchia è stata presentata una istanza dalla società “Poseidon Wind Energy srl” per concessione demaniale marittima per la durata di 30 anni e per l’occupazione di uno specchio acqueo a circa 35 km dalle coste della Regione Sardegna e con punto di arrivo del cavidotto sottomarino sulla costa di Civitavecchia: un progetto della potenza totale di 270 megawatt, con 27 pale da 10 mw l’una.

Parco eolico a Montalto di Castro

 

Per quanto riguarda Montalto, l’istanza è stata presentata dalla Regolo rinnovabili per un parco eolico off-shore con 34 pali alti 80 metri e con le basi galleggianti di accumulo e trasporto energia via cavo, per una potenza stimata di 504 Mw, che occuperebbero una superficie di mare pari a 1milione e 500mila metri quadrati.

 

9. RELAZIONE ILLUSTRATIVA _Seabass_Montalto

4 Replies to “Tarquinia – Un parco eolico offshore anche nella città etrusca

  1. Senza parole! Il territorio della Tuscia e le sue coste diventano i fornitori di energia di tutto il centro Italia, e intanto la centrale a carbone che doveva chiudere da tempo continua a produrre a tutto spiano. Addio turismo di qualità, paesaggio, agricoltura e biodiversità con 200 pale offshore, decine e decine di pale a terra già realizzate e altre decine in discussione e centinaia di ettari di fotovoltaico. SALVIAMO LA TUSCIA!

  2. Ma pale eoliche a 30-50km dalla costa si riescono a vedere da una persona con normale visibilità? Da Pescaia Romana a Giannutri la distanza è di circa 30 km : si vede bene?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *