Record di tumori a Terni ed esposizione all’amianto della ThyssenKrupp

Il M5S chiede di approfondire la vicenda. Liberati e Carbonari invitano la Seconda commissione del consiglio regionale a convocare le audizioni sull’esposizione all’amianto dei lavoratori degli stabilimenti Thyssenkrupp di Terni. I pentastellati chiedono inoltre di ascoltare il presidente della Comunanza agraria dell’Appennino Gualdese sulle concessioni della Rocchetta per lo sfruttamento delle sorgenti

TERNI – “Convocare immediatamente audizioni in Seconda commissione consiliare con i soggetti interessati alla vicenda dell’esposizione all’amianto dei lavoratori degli stabilimenti ThyssenKrupp di Terni”. Lo chiedono Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle. “La nostra richiesta – dichiarano in una nota – arriva alla luce del più recente Studio Sentieri dell’Istituto Superiore della Sanità e del ministero della Salute. La ricerca, infatti, fa esplicito riferimento all’eccesso di mesoteliomi negli uomini a Terni, che vede un aumento del 164 per cento rispetto alla norma nel periodo 1996-2005. Crediamo sia urgente un ciclo di audizioni per comprendere se, pure dopo il 1992, parte delle maestranze siano state esposte all’amianto. Noi riteniamo che questo sia accaduto, anche in base a molteplici testimonianze al riguardo. Per questo chiediamo di convocare, non appena possibile, almeno i rappresentanti dell’Osservatorio nazionale amianto, i responsabili dell’Asl 2 e i responsabili sindacali per la sicurezza sul lavoro”.

ACQUA ROCCHETTA – “Inoltre – proseguono Liberati e Carbonari – chiediamo che la Seconda commissione convochi una audizione anche sulle concessioni rilasciate alla Rocchetta per lo sfruttamento delle sorgenti. È necessario, infatti, ascoltare quanto prima il presidente della Comunanza agraria dell’Appennino Gualdese, Nadia Monacelli, viste le epocali conseguenze determinate dalla sentenza del Tar in merito alla titolarità dei terreni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *