Calvi dell’Umbria: la replica alle critiche fatte alla giunta Grillini.

Non si sono fatte attendere le risposte al nostro articolo dal titolo “critiche a mitraglietta per l’amministrazione Grillini”. Ripetiamo.. articolo sollecitato da numerosi cittadini calvesi.

Ci hanno contattato amici e amiche di amici facendoci notare che alla domanda fatta da tantissimi cittadini calvesi e da noi riportata nell’articolo del 21 marzo “dove è finita la tanto decantata trasparenza e legalità”??? .. ha la seguente risposta: “Non è vero quello che scrivete perché l’amministrazione Grillini è trasparente come l’aria e ve lo dimostriamo con i fatti e con le delibere. Chissà però se lo pubblicherete?”

Nostra contro risposta. Come vedete noi pubblichiamo tutto a tutti come abbiamo sempre fatto specie con voi durante la campagna elettorale della primavera di due anni fa. Del resto se ci tenete tanto a far sapere quello che segue .. noi vi diamo ampio spazio.

I signori e le signore che ci contestano ci dicono che “la delibera è la numero 29 del 23 marzo 2017 firmata dal sindaco Grillini Guido, dal vicesindaco Spaccasassi Sandro, dall’altro assessore Giacomini Matteo e riguarda il progetto dei lavori di allestimento di un ala del monastero delle suore orsoline da adibire a museo”.

I fatti riguardano il tecnico incaricato esterno all’amministrazione nonostante (questo lo aggiungiamo noi) il Comune di Calvi dell’Umbria ha alle sue dipendenze e cioè a spese del cittadino un geometra e un ingegnere.

Mentre la trasparenza riguarda il fatto che il tecnico esterno al comune “è il figlio di un noto commerciante locale e grande amico del sindaco Grillini che lo ha sostenuto SEMPRE PUBBLICAMENTE sin dalla campagna elettorale del 2010 quando finì all’opposizione”. Mentre ricordiamo noi che in quella del 2015 ha conquistato la poltrona tanto ambita e rivendicata in nome della legalità e della trasparenza.

Quindi chi ci ha criticato per il nostro articolo del 21 marzo ha tenuto a precisare che “la trasparenza sta proprio nel fatto che nonostante tutti sanno dell’amicizia fortissima tra le due famiglie la delibera è stata pubblicata lo stesso mentre si poteva benissimo fare finta di essersene dimenticati così nessuno veniva a sapere dell’incarico professionale”.

Per correttezza e precisione, aggiungiamo che comunque le delibere per legge devono essere numerate e pubblicate sul sito istituzionale, al fine di renderle pubbliche e quindi anche essere pubblicate, come in questo caso.

Arrivati a questo punto noi giornalisti ci fermiamo qua allegando con l’articolo la delibera tanto vantata.

DELIBERA_GIUNTA_n_29

Comunque a proposito di risposte siamo ancora in attesa di avere quella su “che fine ha fatto la promessa elettorale di rinunciare allo stipendio da primo cittadino e ai vari gettoni di presenza di assessori e suoi consiglieri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *