Civitavecchia, prorogato il Padellone della vergogna. Sopralluogo dei carabinieri

Igiene zero, olii esausti buttati a terra o conservati in modo vergognoso. Con i 5 Stelle la tradizionale festa del pesce fritto è stata snaturata e trasformata in festa del “magna-magna” di provincia

CIVITAVECCHIA – La prima parola che ci è venuta in mente, passeggiando vicino gli stand de Il Padellone a piazza degli eventi è stata: SCHIFO.

Prima di entrare nel dettaglio di come sia stato possibile trasformare questa sagra tradizionale in una festa “magna-magna” ce lo spiegheranno meglio, se vogliono, l’assessore D’Antò e l’ambientalista sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino.

Per non lasciare spazio a dubbi abbiamo girato un filmato e mostrato anche alle forze dell’ordine che, questa mattina hanno effettuato un sopralluogo e hanno potuto sincerarsi con i loro occhi dello schifo e della scarsa igiene degli organizzatori (ancora non si sa bene chi siano realmente) che somministrano di tutto e, volendo, anche un po’ di pesce fritto.

Somministrano perché alla cassa si può acquistare anche un “bicchierino” di digestivo in barba a tutte le regole e licenze sulla somministrazione di alimenti e bevande.

La cosa terribile, che potrete vedere con i vostri occhi nel filmato, è come viene conservato l’olio e poi, qualcosa ancora impossibile da capire la miscela, disperso nell’ambiente, a poche decine di metri da Forte Michelangelo.

Dunque, la festa del Padellone è legata al pesce fritto, paranza, calamari e gamberi, invece alla sagra del “magna-magna” il menù è variegato a dispregio, ovviamente, di tutte le attività che li intorno cercano di sopravvivere.

Ecco il menù: insalata di mare, alice marinate, bruschette miste, gamberi sale e pepe, mezze maniche all’amatriciana, salciccia e cicoria, panino e salciccia, panino hamburger, entrecote con patate e/o insalata, hot dog, frittura mista, frittura calamari e gamberi, verdure marinate e patatine fritte.

Bene cosa c’entrano tutti quegli ingredienti di carne è un mistero.

Mistero che non finisce qui. Chi è che emette gli scontrini? Cosa c’è riportato nella ricevuta fiscale?

Che c’entra la società Elleemme di Magnifico Luigi che sta a P.le degli Eroi?

Se questi signori del Movimento 5 Stelle si erano presentati per cambiare le cose, ad oggi, le hanno solamente peggiorate.

Aspettiamo con ansia gli esiti del sopralluogo dei carabinieri e della Asl ma, soprattutto, vorremmo conoscere il parere degli ambientalisti che siedono in Comune.

Il movimento popolo inquinato aveva inutilmente chiesto a qualcuno di intervenire e controllare, nessuno l’ha fatto poi, finalmente, sono arrivati i carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *