Sergio Pirozzi a Viterbo presenta il suo libro”La scossa dello scarpone. Anatomia di una passione sociale”

Forza Italia diserta l’appuntamento per evitare ritorsioni annunciati dai “capoccioni” che guidano un partito che, nel Lazio, si attesta al 4%

VITERBO – Il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi è stato ospite ieri sera all’Hotel Terme dei Papi per presentare il suo libro ”La scossa dello scarpone. Anatomia di una passione sociale” di Armando Editore. L’evento, seguito in sala da un pubblico gremito, è stato organizzato da Viterbo Imprese.

Nel libro – il cui ricavato andrà tutto in beneficenza – Sergio Pirozzi ha ripercorso la sua vita, prima e dopo quel maledetto 24 agosto 2016, giorno del sisma del centro Italia. Una vita appresso ad un pallone (con una parentesi nel tennis), sia da calciatore sia da allenatore, che lo ha portato anche a Viterbo sulla panchina gialloblu, dove ”ho ricevuto il mio secondo esonero – ricorda – ma con Piero Camilli è facile essere esonorati”.

C’è la politica poi, l’altra passione, che lo ha fatto scendere in campo, una volta appesi gli scarpini al chiodo, per la sua Amatrice pre e post terremoto e per i paesi abbandonati dallo Stato. Non da Pirozzi però, un sopravvissuto, in piedi con la sua gente sopra le rovine, a rimboccarsi le mani per la ricostruzione. ”Senza il grande cuore degli italiani – dice – a quest’ora saremmo morti”. Proprio nella differenza tra gli scarponi sporchi di fango e i mocassini degli habitué del Palazzo c’è la sua visione politica, racchiusa nel libro che ne è un manifesto.

”C’è un motivo se oggi il 50 percento dell’elettorato non va a votare: le persone non si sentono rappresentate. Dobbiamo chiederci perché questo accade. C’è uno scollegamento – spiega – tra il mondo reale e il mondo virtuale”.

”Noi – prosegue – e dico noi perché un mister non è mai solo, faremo la nostra squadra. Una squadra composta da uomini e donne che stanno sui territori e hanno gli scarponi. Poi chi ci vuole stare ci sta, non voglio fare litigare nessuno… I compagni di viaggio devono condividere un’idea e un approccio. Non nascondo che sono un uomo di centrodestra, più di destra – aggiunge – che di centro”. Applausi dal pubblico. In sala anche Giulio Marini, il sindaco di Tuscania Fabio Bartolacci, l’ex sindaco di Bagnoregio Rino Pompei e tanti consiglieri comunali e provinciali.

L’appuntamento è stato disertato dai rappresentanti di Forza Italia che ancora una volta hanno dimostrato di far prevalere le ragioni della politica su quello che poteva essere comunque un gesto di solidarietà acquistando un libro a 12 euro.

Non una buona mossa soprattutto per Giovanni Arena che si è giocato la possibilità di candidarsi a lle prossime elezioni amministrative.

Se vale la regola della Regione Lazio, dopo tanti anni di Forza Italia a Palazzo dei Priori la prossima volta toccherà agli alleati.

Pirozzi ne approfitta per rispondere agli avversari. ”Già da stasera c’è nervosismo, una candidata come la Lombardi (M5S) dice che sono incoerente… Con tutto il rispetto, non so nemmeno chi sia, se ha fatto mai l’amministratrice o se abbia mai messo gli scarponi ai piedi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *