Civitavecchia Infrastrutture è fallita, con lei affonda anche l´amministrazione

La società del Comune ha ancora la proprietà della rete idrica, dell’autoparco e dell’immobile della nettezza urbana. Il Sindaco: ‘’Siamo stupiti’’. Grasso (La Svolta): ‘’Altro che stupore, dovrebbe avere la dignità di andarsene subito a casa. È il fallimento suo e del M5S’’

CIVITAVECCHIA – Dichiarato il fallimento di Civitavecchia Infrastrutture. La sentenza, di cui in città si è venuti a conoscenza solo nella serata di ieri, è dello scorso 22 febbraio. Il giudice delegato è Giuseppe Bianchi, curatore è stato nominato l’avvocato Antonella Tassi di Roma. L’udienza di verifica del passivo è stata fissata per il 13 aprile. A quanto pare l’istanza di fallimento era stata presentata ad ottobre scorso dal commercialista locale Massimo Rosati, consulente dell’azienda non pagato da anni. “Mi è anche dispiaciuto procedere così – ha detto Rosati – ma dopo due anni di attesa con il decreto ingiuntivo in mano, e soprattutto di false promesse, mi sono sentito preso in giro, in particolare dall’ex assessore Savignani, che mi ha fatto l’ennesima promessa di cominciare pian piano a sbloccare la situazione e invece il giorno successivo si è dimesso”.

LO SCENARIO POSSIBILE E LO STUPORE DEL SINDACO – Cosa accadrà ora? Perché al contrario di quanto si pensasse a quanto pare in capo a Civitavecchia Infrastrutture c’erano ancora la proprietà della rete idrica e di due immobili comunali come l’autoparco di via Braccianese Claudia e lo stabile sede del servizio di nettezza urbana in via Betti. Sulla questione interviene il sindaco Antonio Cozzolino: “Apprendiamo con stupore della notizia della dichiarazione del fallimento di Civitavecchia Infrastrutture da parte del Tribunale di Civitavecchia. Proprio oggi (ieri) – afferma – eravamo in riunione per limare il piano che avrebbe riportato in bonis la società per poter poi chiuderla in ossequio al piano operativo di razionalizzazione delle partecipate approvato ormai da 2 anni. Attendiamo di leggere la sentenza per decidere il da farsi ma sicuramente impugneremo di fronte alla corte d’appello di Roma un provvedimento che si basa su un’istanza dall’importo modesto a cui gli avvocati di CI avevano risposto con solide argomentazioni. Quando avremo modo di leggere la sentenza – aggiunge il primo cittadino –  daremo una lettura più approfondita della situazione”.

GRASSO: “È IL FALLIMENTO DI COZZOLINO” – Immediata la replica del capogruppo della Svolta Massimiliano Grasso: “Altro che stupore, Cozzolino dimostra di non avere più nulla sotto controllo. Ha portato il Comune in fallimento, con i suoi consulenti si è inventato non so come un doppio concordato su Hcs, lasciando la patata bollente alla prossima amministrazione, in danno immediato dei creditori, e nel medio periodo degli stessi dipendenti dell’azienda. Ora farà andare all’asta il patrimonio comunale e, incredibile ma vero, la nostra rete idrica. Altro che acqua pubblica – prosegue Grasso – ha fallito anche lui, dovrebbe avere la dignità di andarsene subito a casa prima di combinare altri disastri, anziché avere la faccia tosta di parlare di risanamento di bilancio, con una città in ginocchio, da rifondare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *