Olio extravergine d’oliva, medicina naturale contro l’ictus

Consumare abbondanti quantità di olio di oliva può ridurre drasticamente il rischio di ictus per gli anziani, questi i risultati di uno studio realizzato da una equipe guidata da Cécilia Samieri dell’Universita di Bordeaux in tre differenti città della Francia e pubblicato sulla rivista Neurology di giugno.

Lo studio, chiamato “studio delle 3 città”, ha interessato 7.625 volontari, uomini e donne dell’età media di 65 anni, nessun caso di ictus pregresso e provenienti dale città di Bordeaux, Dijon e Montpellier. Durante l’osservazione, durata 5 anni, i ricercatori hanno creato tre categorie di consumo: nullo, moderato, intenso. La prima categoria comprendeva chi non faceva alcun uso di olio di oliva, la seconda coloro che usavano l’olio d’oliva solo come condimento e la terza chi lo usava regolarmente, sia per cucinare che crudo.

Si è così riscontrato che all’uso continuo e frequente in cucina di olio di oliva (seconda e terza categoria) è stato associato ad una riduzione del 41% dell’incidenza di ictus rispetto a chi non utilizzava mai l’olio d’oliva (prima categoria).

Al fine di prevenire l’ictus nella popolazione anziana, Samieri e colleghi hanno suggerito come l’uso intensivo di olio d’oliva dovrebbe trovare posto nella dieta accanto ad un maggiore consumo di frutta e verdura ed una riduzione nell’uso del sale. Tuttavia, avvertono i ricercatori, l’uso di olio d’oliva non può essere completamente indipendente dagli altri alimenti che usualmente lo accompagna. Infatti, l’olio d’oliva è di solito aggiunto ad altri alimenti (ad esempio, frutta e verdura, legumi, cereali e pesce) che possono contribuire ai benefici indiretti, aumentando l’appetibilità e il consumo di alimenti che possono avere effetti potenziali sulla salvaguardia della salute.

Una siffatta dieta, i cui grassi provengono quasi esclusivamente dall’olio extravergine di oliva, porta ad indubbi benefici anche in relazione al diabete, ipertensione, coronaropatia e obesità.

Una precisazione: lo studio francese non ha indicato il tipo di olio d’oliva consumato dai volontari sottoposti ad indagine, riportando una “generica” definizione di “olio di oliva”. Ma è importante notare che quasi tutto l’olio d’oliva venduto in Francia è della categoria merceologica più pregiata quella di “olio extravergine di oliva” ed quindi a questa categoria di olio a cui occorre fare riferimento.

E’ grazie anche a questi risultati che sempre più l’olio d’oliva può essere considerato “uno dei principali componenti di protezione” della dieta mediterranea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *