Rc professionale commercialisti una tutela a copertura di colpe, danni e responsabilità

Obbligatoria a norma di legge la polizza professionale garantisce al commercialista un robusto paracadute nel caso di richieste di risarcimento

 

 

 

A caratterizzare le assicurazioni professionali sono due funzioni distinte, da un lato uno specifico obbligo di legge dall’altro una tutela a favore del professionista.

L’assicurazione a carico dei professionisti, obbligatoria a norma della legge 148/2011 che ha riformato la normativa sulle professioni ed è stata regolata dal Decreto del Presidente della Repubblica 137/2012, coinvolge anche chi opera in veste di commercialista e fornisce consulenza in materia fiscale ed economica a privati e aziende.

Anche l’assicurazione commercialisti, come tutte le altre polizze professionali è di fatto obbligatoria dal 14 agosto 2013, giorno in cui è entrata in vigore la sopracitata legge.

A stipulare la polizza commercialisti può essere il singolo libero professionista oppure lo studio associato, la società o l’associazione professionale.

Naturalmente laddove a stipulare la Rc professionale è lo studio associato, la società o l’associazione, la polizza copre soltanto l’attività svolta in nome e per conto dello studio, dell’associazione o della società.

Polizza professionale commercialisti: che cosa copre di fatto

Osservando da vicino le coperture garantite dalla polizza è corretto sottolineare che una Rc professionale copre le colpe, i danni e le responsabilità che sono diretta conseguenza dello svolgimento dell’attività lavorativa.

Conseguenze quali un danno materiale, una perdita patrimoniale, un rallentamento o interruzione dell’attività lavorativa ma anche una evidente e certificata riduzione nel giro d’affari.

L’errore commesso dal professionista potrebbe portare ad una richiesta di risarcimento da parte di terzi, ed è in quel caso che la polizza di Responsabilità civile professionale garantisce una reale copertura.

Fra gli adempimenti che potrebbero essere all’origine di una richiesta di risarcimento se ne annoverano essenzialmente tre, vediamoli nel dettaglio:

. si parte dalla mancata verifica di un invio telematico dei dati da parte di un collaboratore;

. per passare ad un versamento tardivo dei contributi di un cliente;

. per finire con la presenza di errori nella dichiarazione dei redditi di un cliente.

Parte integrante della copertura sono anche le richieste di risarcimento per danni causati colposamente per negligenza, imprudenza o imperizia, lievi o gravi che siano.

Nel caso specifico sono previste attività quali:

. quelle connesse alla gestione contabile fiscale;

. la tenuta, aggiornamento e riordino di contabilità, registri Iva e libri paga;

. redazione di dichiarazioni fiscali;

. elaborazione del 730;

. eventuali sanzioni di natura fiscale, multe e ammende inflitte ai clienti per responsabilità da attribuirsi direttamente al professionista;

. responsabilità nell’espletamento di attività di liquidatore non giudiziale di società;

. responsabilità per danni di collaboratori, praticanti, tirocinanti e dipendenti;

. conseguenze derivanti dalla perdita, distruzione o deterioramento di atti, documenti o titoli, di dischi, nastri e calcolatori ricevuti per l’esecuzione di incarichi professionali;

. violazione della privacy

. responsabilità per danni da interruzione e sospensione attività di terzi connessi.

Validità della polizza: retroattività e tutula postuma

La polizza Rc professionale di norma copre le richieste di risarcimento proposte contro l’assicurato nell’arco dell’annualità di riferimento, con attenzione ai tempi di scadenza per poter esercitare le richieste di risarcimento.

Ma di fatto nel premio base, per una corretta ed utile estensione della copertura, vengono incluse due tutele specifiche la retroattività illimitata e la postuma, la prima per coprire richieste di risarcimento per errori commessi precedentemente alla stipula dell’assicurazione, la seconda per garantirsi una validità successiva alla scadenza.

Come ci conferma MIOAssicuratore sul sito web ufficiale “La polizza può prevedere l’estensione con garanzie temporali. Può infatti essere inserita una garanzia postuma ed una retroattiva per coprire danni da incidenti verificatisi precedentemente o successivamente la validità della polizza purché denunciati durante l’arco temporale della stessa.”

Quale polizza scegliere?

L’acquisto di una polizza considera due ipotesi distinte da un lato la valutazione delle offerte proposte dal mercato, dall’altro le polizze Rc professionali offerte in convenzione ad esempio dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Quella svolta dal commercialista è un’attività decisamente complessa e di grande responsabilità, che necessita di un aggiornamento costante, e garantirsi un’adeguata copertura è essenziale per evitare esborsi di tasca propria.

Per questo motivo è determinante valutare minuziosamente le proposte assicurative senza dimenticare che il mercato consiglia prodotti interessanti con un occhio attento anche al risparmio.

Per poter confrontare il ventaglio di proposte è utile farsi aiutare da un comparatore on line, che valuta le tante opportunità offrendo le più adeguate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *