Amelia, aggressione sindaco Pernazza, solidarietà della Lega

Un uomo di 35 anni, già noto per i suoi disturbi psichici, ha colpito alla testa la donna. In tasca aveva anche un coltello

AMELIA – Ieri mattina il sindaco di Amelia, Laura Pernazza è stata colpita con una manata alla testa da un uomo che si è introdotto nel suo ufficio e che poi è si è allontanato. Il soggetto in questione è stato individuato e rintracciato poco dopo dai carabinieri di Amelia, in evidente stato di agitazione. Smentito il fatto che sia stato sottoposto a TSO, l’uomo infatti ha accettato di sottoporsi alle cure mediche.

La Pernazza è stata giudicata guaribile, al pronto soccorso dell’ospedale di Terni, in 7 giorni. L’aggressore, 35 anni, già noto alle forze dell’ordine, è seguito dai servizi sociali del comune. L’uomo, comunque, è stato denunciato d’ufficio dai carabinieri per lesioni personali e possesso di oggetti atti ad offendere. Infatti, durante il fermo i militari hanno rinvenuto un coltello a serramanico nella tasca dei pantaloni dell’uomo.

“Siamo vicini al sindaco di Amelia Laura Pernazza, alla quale esprimiamo piena solidarietà per l’aggressione subita”. Così il segretario Lega Umbria, On. Virginio Caparvi e il capogruppo Lega in Regione Umbria, Stefano Pastorelli, a nome dei consiglieri regionali leghisti. “Restiamo sgomenti di fronte a tale ingiustificata violenza. Auspichiamo che gesti di questo tipo non si verifichino più e a tal proposito confidiamo in un maggiore impegno congiunto per migliorare la sicurezza negli edifici pubblici, al fine di consentire a dipendenti e rappresentanti delle istituzioni di svolgere il proprio lavoro nella maniera più sicura possibile. Al sindaco Pernazza auguriamo di tornare presto a lavoro, consapevoli che non si lascerà certo condizionare dal gesto isolato di un delinquente”.

Il commissario Lega Terni, On. Barbara Saltamartini insieme a tutti gli eletti e i militanti ternani esprimono solidarietà al sindaco di Amelia, Laura Pernazza, vittima di una aggressione. “Esprimiamo piena condanna a un gesto di violenza che riteniamo vigliacco e inqualificabile poiché perpetrato ai danni, non solo di un rappresentante delle istituzioni, ma soprattutto di una donna. Siamo certi che il Sindaco Pernazza non si farà intimidire e proseguirà nell’azione amministrativa con rinnovata determinazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *