Coronavirus – I drammi della quarantena: “Aiutatemi, ho scoperto che mio figlio si droga”

Gasparrini (Federcasalinghe): “Ci scrivono madri disperate”

Roma – Le tossicodipendenze sconosciute dei figli, un dramma che molti genitori stanno vivendo in queste settimane di quarantena. Torino: “Il mio Roberto (15 anni) sta malissimo. E’ cattivo e si fa del male. Non capisco. Mio marito teme che abbia qualche dipendenza da sostanze stupefacenti e non ne vuole parlare con nessuno. Siamo disperati e chiusi in casa, non sappiamo cosa fare. Roberto sta male. Aiutateci. Ci basterebbe un numero di telefono di fiducia di chi sa cosa dobbiamo fare”. Messina: “Aiutatemi! Il mio ragazzo, 21 anni si droga!! Ma in modo pesante!!! Deve uscire ogni due giorni. Ho scoperto una realtà: Lo spaccio continua. Mario mi chiede i soldi, anzi li pretende; prima li riceveva da una piccola attività, e mi ha detto: ‘mamma non ne posso fare a meno, devi aiutarmi. Ho paura che diventi violento, cosa devo fare? Aiutatemi con urgenza!”.
L’Italia in quarantena è rivelatrice dal nord al sud di testimonianze e ‘storie nascoste’ di genitori che scoprono tra le mura domestiche il ‘nemico invisibile’; Drammi di figli tossicodipendenti di cui con difficoltà si prende coscienza e poi con sforzo si riesce a parlare. Lo racconta Federica Rossi Gasparrini, presidente di Federcasalinghe, denunciando all’Adnkronos le numerosissime richieste di aiuto di madri che vivono soprattutto nelle grandi città e che in questi giorni di isolamento sociale scoprono di avere un figlio tossicodipendente. Implorazioni di sostegno pervenute durante la quarantena alle varie rappresentanti regionali dell’Associazione, che conta circa 9 milioni d’iscritti.
La Gasparrini preannuncia a breve l’avvio di un servizio di supporto psicologico sul sito dell’Associazione donne.it e riferisce: “A scrivere sono madri che in un disperato senso di impotenza arrivano a dire: ‘Avrebbero dovuto consentire che uscissero per andarsi a procurare la droga’. Si chiedono – prosegue – se e come ricorrere ai Ser.D. (Servizio pubblico per le dipendenze patologiche del Sistema Sanitario Nazionale, ndr) per la somministrazione di metadone. Sono disorientate, soprattutto quando si tratta di minori…Ma talvolta li lasciano andare…” “Sono drammi legati alla povertà: di donne che scrivono e spesso non possono parlare perché vivono in case piccole, hanno paura di essere ascoltate e subire poi violenza; di situazioni dolorose, destabilizzanti per il nucleo familiare ma in cui – conclude la Presidente di Federcasalinghe – intravediamo spesso la forza di volontà e di andare avanti”.

Roberta Lanzara (Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *