Terni: “no bavagli e consigli da remoto”. Sindaco: “nessuna svolta autoritaria ma rispetto delle leggi”

Terni: “no bavagli e consigli da remoto”. Sindaco: “nessuna svolta autoritaria ma rispetto delle leggi”

Emergenza coronavirus: botta e risposta tra opposizioni e Sindaco sulle modalità di riunione del consiglio comunale

TERNI – Il Gruppo consiliare ‘Uniti per Terni’ (Orsini, Fiorini, Leonelli e Pincardini) chiede che il consiglio comunale torni a riunirsi in un luogo reale, dove si possano rispettare le distanze di sicurezza, proponendo gli spazi del Centro Multimediale. Per i consiglieri di opposizione è necessario “affrontare i temi della ripresa: Ztl, occupazione suolo pubblico e bilancio”. Non è tardata ad arrivare la replica del primo cittadino Leonardo Latini che, insieme al presidente dell’Assemblea consiliare Francesco Ferranti, respinge le accuse di voler imbavagliare il dibattito pubblico, assicurando che le sedute del consiglio comunale e delle commissioni saranno diffuse in diretta su internet e sui social.

LA NOTA DI “UNITI PER TERNI” – “Sono settimane che assistiamo al rimpiattino tra il presidente del consiglio comunale e il sindaco di Terni sulla non convocazione in un luogo reale del consiglio comunale. Una manfrina  infantile – dichiarano i consiglieri comunali di Uniti per Terni – che nasconde il vero intento quello cioè di non consentire al consiglio comunale e ai rappresentanti dei cittadini di esprimersi in maniera concreta e articolata su temi estremamente rilevanti in questa fase che dovrebbe essere di rilancio per Terni. Non si vuole una discussione pubblica su misure a sostegno del commercio, delle piccole imprese, sul bilancio, sul documento di programmazione, sulla ZTL, e sulla Tosap. Su questi temi il consiglio deve poter parlare, il consiglio deve poter ascoltare le associazioni di categoria, i rappresentati delle piccole imprese e degli esercizi pubblici, le forze sindacali, le associazioni di volontariato che tanto hanno fatto in questa fase di emergenza e che conoscono bene i problemi delle famiglie ternane.

L’unico dibattito che registriamo è lo scambio di frecciatine che ormai quotidianamente il sindaco e il partito della maggioranza, la Lega, si mandano, con il capogruppo della Lega che ha detto esplicitamente che è ora di mettere mano alla Ztl e alla Tosap.

Gli unici interventi  ufficiali del sindaco sono quelli incentrati ad esaltare il settore dei lavori pubblici, al tal punto che sembra che la vita della città di Terni sia ormai solo ed esclusivamente l’iter del Palasport o della rotatoria di via Urbinati. Non una parola sul bilancio, non una parola su Asm, non una parola su come far ripartire la città dopo due mesi di chiusure.

Per prendere le distanze da questo modo di non amministrare, per tenere alto il grido di allarme lanciato in maniera chiara e accorata dalle associazioni di categoria, i consiglieri comunali di Uniti per Terni stanno seriamente valutando di non partecipare alla seduta da remoto del 12 maggio.

Anche alla luce delle normative nazionali e regionali riteniamo infatti che non ci sia alcun impedimento per una seduta del consiglio comunale da disputarsi in una grande spazio, come il Cmm, nelle più ampie garanzie di distanziamento sociale sia per i consiglieri comunali che per il personale di supporto al funzionamento della struttura”.

LA REPLICA DEL SINDACO LATINI E DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE FERRANTI – “Rispetto alle assolutamente infondate affermazioni dell’opposizione su inesistenti “svolte autoritarie” o presunti vulnus ai regolamenti e alla democrazia da parte nostra – dicono il sindaco Leonardo Latini e il presidente del Consiglio comunale Francesco Ferranti – esse si riferiscono a situazioni che evidentemente non sono state approfondite a sufficienza da chi nuove tali accuse”.
“La nota delle opposizioni fa riferimento al fatto che la seduta della commissione consiliare di oggi, la prima ad essere ripresa dopo la fase iniziale dell’emergenza e che si è svolta in modalità da remoto, non abbia potuto avere una diretta. Come dovrebbero sapere tutti i consiglieri, la normativa vigente, confermata anche da un parere del segretario generale, non impone la diretta delle sedute pubbliche che non possono svolgersi in aula a causa dell’emergenza in corso, ma indica che debbano essere messe a disposizione del pubblico. Cosa che noi faremo puntualmente pubblicando on line la registrazione integrale che potrà essere visionata da tutti i cittadini, nella massima trasparenza, come sempre”.
“Tuttavia, proprio perché non solo abbiamo a cuore la democrazia e il rispetto delle regole, ma soprattutto teniamo alla trasparenza della cosa pubblica, memori di quanti danni abbiano prodotto in passato alcune opacità, stiamo da giorni verificando la possibilità non solo di diffondere le dirette audio e video delle sedute del consiglio comunale, ma anche quelle delle commissioni in questa fase d’emergenza, andando oltre gli obblighi di legge. Lo faremo, se non ci saranno altre alternative, anche via social, tramite la pagina Facebook ufficiale del Comune di Terni”. “Se le nostre strutture tecniche ci assicureranno la fattibilità dell’operazione in questa fase, non ci saranno problemi di alcun tipo da parte nostra ad attuare tutte le soluzioni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *