Regione Lazio – Corrado (M5S): “Criticità su nomina responsabile anticorruzione”

ROMA – “La nomina del Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e Responsabile della Trasparenza della Regione Lazio, da parte della Giunta regionale, presenta forti criticità e tra queste una incompatibilità delle funzioni, considerato che la scelta è ricaduta sul dirigente dell’Avvocatura regionale.

Per tali motivi, durante il Question Time che si è svolto oggi in Consiglio regionale ho chiesto chiarimenti per conoscere le motivazioni che hanno portato a questa opzione che sembra non essere del tutto in linea con quanto stabilito dall’ANAC.” .

Così in una nota la Consigliera M5S alla Regione Lazio, Valentina Corrado.

“Ci sarebbe una forte sovrapposizione di ruoli – continua Corrado – che renderebbe un unico soggetto controllore e controllato, in quanto il dirigente in questione andrebbe a svolgere compiti che rientrano tra quelli di amministrazione e gestione attiva e al tempo stesso redigere e applicare il Piano Anticorruzione che deve favorire il buon andamento e l’imparzialità delle decisioni e dell’attività amministrativa, per prevenire eventuali casi corruttivi.”

“Tra le altre cose” – afferma la consigliera M5S – l’ANAC ha ben chiarito come l’incarico debba essere attribuito ad un dirigente di ruolo e in servizio e solo se esista un congruo motivo si debba ricorrere a personale esterno. Nel caso in questione, parliamo di un dirigente che non fa parte dell’organico della Regione Lazio, ma che possiede un contratto a scadenza, altra caratteristica che fa venire meno il requisito di “stabilità” dell’incarico, previsto dall’Autorità Anticorruzione proprio per mantenere quel “carattere di stabilità, sistematicità e continuità tali da connotare un vero e proprio sodalizio professionale, tra l’Amministrazione e il responsabile Anticorruzione”.

“Nella delibera di nomina non viene fornita alcuna motivazione congrua e analitica su questa scelta, né la sussistenza di motivazioni organizzative che hanno portato a questa designazione, pertanto mi aspetto che si chiarisca tutto quanto prima ed eventualmente si proceda con la revoca dell’incarico”, conclude Valentina Corrado.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *