Ylenia Lombardo, uccisa e trovata carbonizzata nel Napoletano: fermato un uomo. Viterbo sconvolta dalla notizia

La donna molto conosciuta a Viterbo dove viveva con i genitori e una bambina. Si era trasferita per lavorare. I carabinieri hanno fermato un uomo di 36 anni nel corso delle indagini sulla morte di Ylenia Lombardo, la donna di 33 anni trovata morta, semi-carbonizzata, nel pomeriggio di ieri a San Paolo Bel Sito, nella provincia di Napoli. La giovane donna sarebbe stata picchiata e poi avvolta delle fiamme dell’incendio divampato nella sua casa

NAPOLI – Potrebbe esserci una svolta nella vicenda della morte di Ylenia Lombardo, la giovane mamma di 33 anni trovata morta, semi-carbonizzata, nel pomeriggio di ieri a San Paolo Bel Sito, piccolo centro della provincia di Napoli: i carabinieri hanno fermato un uomo di 36 anni, su disposizione della Procura della Repubblica di Nola, che coordina le indagini. Non è ancora chiaro il ruolo dell’uomo nella morte della 33enne, né che rapporto intercorresse tra lui e la vittima. Secondo una prima ricostruzione, Ylenia sarebbe stata dapprima picchiata e poi avvolta dalle fiamme dell’incendio divampato nella sua camera da letto, dove il cadavere è stato rinvenuto, carbonizzato dalla cintola in su.

Il corpo di Ylenia Lombardo è stato trovato nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 5 maggio, nel suo appartamento di via Ferdinando Scala, dove la donna si era trasferita da circa un anno, per lavorare come badante: la 33enne era originaria infatti di Pago del Vallo di Lauro, nella provincia di Avellino. Madre di una bambina, avrebbe dovuto rivedere sua figlia, che vive con la nonna materna a Viterbo nel quartiere Carmine, proprio in questi giorni.

Nel tardo pomeriggio di ieri, alcuni ragazzi, dall’altra parte del marciapiede, hanno notato fumo e fiamme uscire dall’appartamento di Ylenia: si sono subito fiondati sul posto e hanno sfondato la porta, poi hanno allertato le forze dell’ordine. Quando sanitari del 118 e carabinieri sono arrivati sul posto, però, per la 33enne non c’era più nulla da fare. I rilievi nell’appartamento sono stati effettuati dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, mentre le indagini sono affidate ai militari della compagnia di Nola e alla locale Procura della Repubblica. Nell’appartamento erano state ritrovate tracce di sangue, che avevano subito fatto pensare agli inquirenti che la 33enne potesse essere stata uccisa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *