Nettuno – Cucina marinara e vino Cacchione per il rilancio del territorio

L’Associazione di ristoratori Nettuno in Tavola presenterà il manifesto post pandemia in occasione del Nettuno Wine Festival

NETTUNO – Puntare sul marketing territoriale, promuovere eventi capaci di far apprezzare le peculiarità della costa tirrenica e fare di Nettuno la capitale del vino Cacchione e della cucina marinara interpretata in tutte le sue numerose sfaccettature con un occhio attento anche alle intolleranze e alla dieta vegetariana.

Questo, in sintesi, il manifesto con il quale l’Associazione dei ristoratori Nettuno in Tavola si presenterà il prossimo 5 settembre al Nettuno Wine Festival.

Ventisette i professionisti del settore che animeranno La kermesse promossa per il quarto anno consecutivo dalla Pro Loco Forte Sangallo con il sostegno del Comune di Nettuno, della Regione Lazio e la media partner di Radio Dimensione Suono Roma.

Forme, profumi e colori per un’esplosione di sapori che se da una parte ammalieranno il palato dei foodies, dall’altra si faranno interpreti dei desideri e dei bisogni di una categoria fortemente penalizzata dalla pandemia e che ora pensa a rialzarsi attraverso azioni comuni che possano evidenziare il fare artigiano vero e autentico.

“Mai come adesso è necessario fare sinergia e mostrarci uniti – sottolinea il presidente dell’Associazione Mattia Spadaro ( foto sopra) nel ribadire anche quanto il Nettuno Wine Festival rappresenti un’eccezionale vetrina per tutte le attività del territorio.

Il nostro intento – spiega – è quello di far conoscere una città a vocazione non solo marittima, ma anche agricola e soprattutto vitivinicola che non ha mai smesso di credere nelle peculiarità del Cacchione, l’antico vitigno tanto amato dai Romani oggi ritornato a noi grazie allo straordinario lavoro di recupero di vignaioli attenti nel non disperdere le origini e fare di questo vino il vessillo del marketing territoriale legato al giacimento enogastronomico laziale”.

Tra i progetti futuri, uno spazio dedicato al Vinitaly del 2022 e la messa appunto di un calendario di ricette da riproporre secondo la stagionalità, mese per mese, nei diversi ristoranti. Piatti molti dei quali già possibili da degustare nei punti dislocati lungo l’affascinante percorso di 4 chilometri del Nettuno Wine Festival che vedrà anche il coinvolgimento di 4 gelaterie e 13 artisti di strada ad allietare l’evento.

Ad essere messo in mostra il coraggio, ma anche il rispetto di una storia millenaria che a Nettuno si plasma e si trasforma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *